Non capiremo mai la politica finché non sapremo attorno a cosa si combatte”. Così diceva il politologo americano Eric Schattschneider, scrivendo nel 1960. Schattschneider credeva che la politica funzionasse come un sistema di conflitto. Capire la natura del conflitto era la chiave per capire la politica nel suo insieme. Per questo avvertiva che “la sostituzione dei conflitti è il tipo di strategia politica più devastante”. Intendeva dire che se si anticipano correttamente i conflitti attorno ai quali è strutturata la società, allora si può vincere. In caso contrario, e soprattutto se si combatte all’ombra di vecchi conflitti nel momento in cui se ne aprono di nuovi, si rischia di perdere. Pesantemente1.

Le sue parole risuonavano con le mutevoli politiche di razza e cultura che attanagliavano la politica americana alla fine degli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60 – un’epoca di transizione, segnata dall’emergere della “nuova sinistra” e dalla diffusione dei valori postmaterialisti. Il conflitto politico si stava spostando verso questioni di cultura, identità e tutto ciò che stava oltre la disperata politica di classe dell’era della Grande Depressione. Su cosa verte oggi lo scontro politico? Questa rimane la domanda politica chiave. 

Oltre lo schema “sinistra contro destra”

Anche se le sue imperfezioni come quadro concettuale sono state oggetto di discussione per decenni, tendiamo ancora a pensare alla politica democratica in termini di uno scontro tra sinistra e destra. Man mano che emergono i contendenti per le elezioni presidenziali francesi del prossimo anno, gli analisti li classificano in questo modo: Xavier Bertrand al “centro-destra”, Jean-Luc Melenchon all'”estrema sinistra”, Marine Le Pen all'”estrema destra” ecc. Manteniamo questa classificazione anche per paesi come la Germania, dove anni di Grandi Coalizioni hanno intaccato le differenze ideologiche tra i partiti rivali. La competizione in Germania tra l’Unione Cristiano Democratica e i Socialdemocratici è davvero uno scontro tra piattaforme ideologiche rivali? Lo spettro destra/sinistra conferisce alla politica contemporanea una certa leggibilità, ma la sua importanza nell’analisi politica rivela tanto la nostra mancanza di immaginazione quanto la vitalità della guerra di classe. 

Le società rimangono divise da profonde disuguaglianze socio-economiche, ma i partiti politici non le traducono più nei conflitti ideologici che hanno caratterizzato il XX secolo. Dal “New Labour” di Tony Blair al Rassemblement National di Marine Le Pen, da Le République En Marche di Emmanuel Macron al movimento “Azione dei cittadini insoddisfatti” (ANO) di Andrej Babis, gli attori politici hanno esplicitamente cercato di scrollarsi di dosso le etichette di “sinistra” e “destra”. Quando abbracciano queste etichette, spesso lo fanno senza successo. Dal 2015 al 2019 è stata l’era del Corbynismo in Gran Bretagna – un movimento sociale di estrema sinistra molto ideologico che ha catturato il Partito Laburista e si è cristallizzato intorno alla figura di Jeremy Corbyn. I suoi risultati elettorali sono stati disastrosi. Nelle elezioni generali del 2019 i conservatori hanno vinto una maggioranza schiacciante di 80 seggi e le circoscrizioni che votavano laburista da generazioni – come Don Valley e Wakefield – hanno eletto deputati conservatori. 

Qualunque siano i suoi punti di forza, Corbyn stava combattendo la battaglia sbagliata. Il successo politico oggi sembra essere meglio garantito evitando del tutto l’ideologia. Nei Paesi Bassi, Mark Rutte è rimasto al vertice della politica olandese facendo proprio questo. Come ha osservato un commentatore giorni prima delle elezioni generali che si sono concluse con Rutte ancora una volta in testa, il successo di Rutte sta nel suo essere “libero da ogni ideologia” e nella sua disponibilità “a lavorare con chiunque”2. In Austria, Sebastian Kurz è salito al vertice della politica del suo paese traducendo le politiche di estrema destra in un idioma mainstream e allo stesso tempo epurando il Partito Popolare Austriaco (OVP) dalla sua eredità conservatrice. Nelle elezioni legislative del 2017, Kurz ha trasformato il partito. Lo ha personalizzato mettendo il suo nome nella lista del partito (“la lista Kurz – il Nuovo Partito Popolare”), ha cambiato il colore dell’OVP dal nero al turchese e ha rifondato l’OVP come un movimento piuttosto che un partito politico convenzionale.

Tecnocrazia e populismo: i nuovi poli della competizione politica democratica

Allora, su cosa verte la lotta oggi? La nostra risposta è che il populismo e la tecnocrazia sono emersi come i principali poli organizzativi della politica democratica contemporanea. Il populismo consiste in una modalità di azione politica che mobilita una concezione unitaria e monolitica del “popolo” contro un’idea astratta e moralizzata del suo “altro” (le élite, la casta, gli stranieri), rivendicando un diritto alla rappresentanza esclusiva del primo. La notte del referendum britannico sull’UE, Nigel Farage ha dichiarato estaticamente che la Brexit era “una vittoria per la gente reale”. Questo aveva in sé l’implicazione che coloro che hanno votato contro la Brexit non erano “persone reali”. In questo senso, come sottolinea lo scienziato politico di Princeton, Jan-Werner Muller: “I populisti sostengono che loro, e solo loro, rappresentano il popolo”. 

La tecnocrazia è l’associazione di abilità o competenza – techne – con kratos, l’esercizio del potere. Immaginiamo i tecnocrati come figure non elette: banchieri centrali in abito gessato che prendono decisioni di politica monetaria a porte chiuse, o mandarini altamente addestrati che applicano i loro modelli seduti alle loro scrivanie nelle burocrazie statali di tutto il mondo. Questo è radicato in un’antica concezione (in definitiva platonica) della tecnocrazia: i re filosofi governano al posto del demos. Ma gli appelli alla competenza e all’esperienza sono diventati sempre più un pilastro anche nella nostra cultura politica democratica, così come un elemento critico nel modo in cui giudichiamo i rappresentanti eletti. “Sono bravi?”, ci chiediamo. “Faranno il loro lavoro?”; “possiamo vedere i loro CV?” Due dei principali banchieri centrali del mondo – Mario Draghi e Janet Yellen – sono ora figure politiche a pieno titolo, rispettivamente a capo della terza economia dell’Eurozona e a capo del Tesoro degli Stati Uniti. 

Supponiamo che populisti e tecnocrati siano ai ferri corti l’uno con l’altro. Come ha detto il politico britannico Michael Gove in un’intervista a Sky News nelle settimane precedenti il referendum britannico sull’adesione all’UE nel 2016, “il popolo ne ha abbastanza degli esperti”. Quando Greta Thunberg mobilita i suoi sostenitori, li esorta ad ascoltare gli scienziati e ad ignorare il richiamo delle sirene dei populisti. Le dimissioni di Silvio Berlusconi nel 2011 – al culmine della crisi del debito sovrano dell’Eurozona – sono state architettate in modo che un professore di economia dell’Università Bocconi ed ex commissario europeo, Mario Monti, potesse prendere il comando. Scrivendo sul mondo dopo il coronavirus, lo storico e antropologo Yuval Harari consigliava che “ognuno di noi dovrebbe scegliere di fidarsi dei dati scientifici e degli esperti sanitari piuttosto che delle teorie del complotto infondate e dei populisti egoisti”. 

Eppure, se guardiamo più attentamente la relazione tra populismo e tecnocrazia nella politica di oggi, scopriamo che è molto più complessa. Lo scontro nelle democrazie contemporanee è tra modi concorrenti di combinare appelli al “popolo” e appelli alla “competenza”. Chiamiamo questa sintesi tecnopopulismo. 

Lo scontro nelle democrazie contemporanee è tra modi concorrenti di combinare appelli al “popolo” e appelli alla “competenza”. Chiamiamo questa sintesi tecnopopulismo. 

chris bickerton e carlo invernizzi accetti

La logica politica tecnopopulista

La sintesi tra populismo e tecnocrazia è resa possibile dal fatto che i due convergono l’uno con l’altro in modi importanti. Entrambi sostengono di possedere un tipo specifico di “verità” politica – sia sotto forma di una concezione reificata della volontà popolare (il “popolo reale” di Farage) o il tipo specifico di conoscenza a cui i tecnocrati sostengono di avere accesso. Come tali, populismo e tecnocrazia si oppongono entrambi a una concezione della politica come uno scontro senza fondamento e senza fine tra interessi e valori in competizione all’interno di un sistema di procedure comunemente riconosciute. In altre parole, populismo e tecnocrazia condividono un’ostilità verso ciò che Bernard Manin ha chiamato “democrazia dei partiti”3.

Questo si manifesta nel fatto che sia i populisti che i tecnocrati dirigono la loro ira verso gli stessi oggetti: i politici professionisti e i partiti politici. Sono anche molto critici nei confronti di qualsiasi altra forma di intermediazione di interessi organizzata che si trova tra il cittadino comune e lo Stato, come i sindacati e le organizzazioni dei media. I populisti considerano i partiti e i gruppi di interesse come istanziazioni di un sistema corrotto ed egoista. I tecnocrati li liquidano come “cercatori di rendita” – dalle associazioni di tassisti alle confederazioni nazionali di interessi commerciali e organizzazioni di consumatori, sono tutti gruppi con interessi personali la cui influenza deve essere eliminata dal corpo politico. Per il populista e il tecnocrate, i sistemi partitici o le forme di interessi organizzati sono illegittimi perché violano il loro perseguimento di una politica della generalità – una forma di politica basata su un appello a una popolazione nel suo complesso piuttosto che a qualsiasi sottoinsieme specifico o parte della popolazione. 

Se il populismo e la tecnocrazia hanno questa affinità, non sorprende che gli appelli al “popolo” e gli appelli alla competenza possano essere combinati in un’unica offerta politica. Prendiamo la Francia. Il successo di Emmanuel Macron nel 2017 è derivato dalla sua capacità di combinare tratti populisti e tecnocratici in un’unica offerta. La sua campagna presidenziale è stata smaccatamente populista. Ha mobilitato i suoi sostenitori contro quello che ha definito un sistema politico “ossificato” e “corrotto”. Fondando un movimento politico con le sue stesse iniziali (EM), ha stabilito un rapporto personale di incarnazione con l’intero elettorato francese. Ecco perché commentatori come Marcel Gauchet lo hanno descritto come un “populista di velluto”, populiste de velours4. Allo stesso tempo, Macron ha ripetutamente sottolineato la sua competenza. Da studente, era sempre il primo della classe. Ha portato questo tipo di successo nel suo progetto politico, promettendo che avrebbe fatto, in virtù della pura tecnica, ciò che i presidenti precedenti non erano riusciti a fare. Emmanuel Macron era il risolutore dei problemi del popolo.

Il Movimento Cinque Stelle in Italia offre una sintesi molto diversa tra populismo e tecnocrazia. Le radici populiste di questo partito politico sono ben note. Il M5S è nato come un movimento di protesta esplicitamente anti-establishment, il cui discorso si è concentrato sull’opposizione tra “la gente comune” e “la casta”. Meno commentata, ma cruciale per comprendere i cambiamenti in corso oggi nel movimento, è la concezione tecnocratica della politica al centro dell’identità politica del M5S. Fin dall’inizio, il suo fondatore e leader carismatico, Beppe Grillo, ha insistito che il M5S non è “né di sinistra né di destra”, poiché il suo unico scopo è quello di “risolvere i problemi” indipendentemente dalle camicie di forza ideologiche. In questo, internet ha un ruolo chiave, perché è interpretato come un modo per sfruttare “l’intelligenza collettiva” della gente comune e quindi trovare soluzioni più efficaci per i problemi collettivi rispetto a quelle proposte dagli esperti ufficialmente riconosciuti. Così, mentre nel Macronismo la sintesi tra populismo e tecnocrazia avviene attraverso una rappresentazione del presidente francese stesso come “il risolutore dei problemi del popolo”, nel caso del M5S avviene attraverso l’appello a un concetto di “intelligenza collettiva” che effettivamente trasforma tutti in esperti.

Anche se non tutti gli attori o movimenti politici contemporanei sono tecnopopulisti, nella misura in cui il tecnopopulismo sta diventando la nuova logica della politica democratica sta diventando sempre più difficile da evitare. Anche attori politici e partiti di lunga data si stanno muovendo in questa direzione. Pensate per esempio alla recente traiettoria dei partiti conservatori e laburisti britannici. Durante l’ultima tornata delle elezioni parlamentari nel Regno Unito, lo slogan dei Tories era “Get Brexit Done!“. Questo voleva segnalare un fermo impegno ad attuare il risultato del referendum popolare del 2016, insieme alla pretesa di possedere le competenze politiche necessarie per farlo. Lo slogan del Labour durante le stesse elezioni era: “Get Brexit Right“, che si discostava solo parzialmente dal messaggio principale dei Tories, ponendo maggiore enfasi sulla presunta maggiore padronanza dei laburisti su quale sarebbe stata la giusta soluzione politica. 

In Germania, il leader della SPD ed ex cancelliere federale, Gerhard Schröder, era al centro del movimento Neue Mitte in Germania – un tentativo di forgiare una politica post-ideologica del tipo sviluppato dai “nuovi democratici” clintoniani negli Stati Uniti e dal New Labour nel Regno Unito. Succedendogli nel 2005, Angela Merkel ha presieduto a grandi coalizioni con la SPD per la maggior parte del suo tempo in carica. La sua immagine politica è stata costruita intorno a rivendicazioni di pragmatismo ed efficacia politica. Allo stesso tempo, ha costruito un tipo curiosamente personalistico di governo politico, dove è presentata come una benevola ‘mutti‘ (madre) che unisce tutta la Germania dietro un comune senso di scopo (“Wir schaffen das!“). 

La più chiara illustrazione contemporanea dell’incidenza della logica tecnopopulista è offerta dal nuovo governo Draghi in Italia. L’autorità politica dell’ex capo della Banca Centrale Europea deriva chiaramente dalla sua competenza tecnica come presunto “salvatore” dell’Eurozona. Tuttavia, il suo esecutivo si basa su una coalizione parlamentare che include tutti (tranne uno) i principali partiti politici italiani, abbracciando l’intero spettro politico da sinistra a destra, compresi diversi partiti più o meno esplicitamente populisti – da Forza Italia di Silvio Belusconi, al Movimento Cinque Stelle di Luigi Di Maio, fino alla Lega di Matteo Salvini. L’attuale governo italiano appare quindi particolarmente inadatto a essere interpretato tramite lo schema “sinistra contro destra”. È un governo politico, non tecnocratico, la cui identità è tecnopopulista

Origini del tecnopopulismo

Molti fattori sono alla base dell’ascesa di questa nuova logica politica. Un modo per intrecciarli è vederli come un contributo a un processo a lungo termine di separazione – o disconnessione – tra politica e società; o, più precisamente, tra conflitti e divisioni politiche, da un lato, e interessi e valori sociali, dall’altro. Come punto di paragone, vale la pena ricordare che, per la maggior parte del secolo scorso, la politica democratica non era strutturata intorno a pretese concorrenti di rappresentare “il popolo” nel suo insieme e di possedere la “competenza” necessaria per tradurre la sua volontà in politica. Le ideologie partigiane di destra e sinistra erano radicate negli interessi e nei valori particolari di gruppi specifici all’interno della società. 

Per esempio, i partiti comunisti e socialdemocratici erano, nel complesso, espressioni delle aspirazioni del movimento operaio organizzato. Al contrario, i partiti conservatori e democristiani rappresentavano ampiamente gli interessi e i valori dell’Ancien Régime, specialmente tra le élite terriere e i contadini. Questa è l’idea di base catturata da Seymour Martin Lipset e Stein Rokkan attraverso la loro famosa tesi che la politica dei partiti della metà del ventesimo secolo era effettivamente un riflesso dei “cleavages” sociologici sottostanti5. In alcuni paesi, in particolare i Paesi Bassi in Europa nord-occidentale, questa unità di società e politica era ancora più evidente. Come risultato di conflitti confessionali di lunga data, la società olandese era organizzata intorno a quelli che erano conosciuti come “pilastri” – pilastri cattolici e protestanti, ai quali si aggiunsero in seguito quelli socialisti e liberali. Questi pilastri modellavano la vita quotidiana: dalla squadra di calcio che si sosteneva al giornale che si leggeva. Il sistema dei partiti funzionava come punto di intersezione tra questi pilastri, con i leader dei partiti che negoziavano tra loro in sistemi elettorali altamente proporzionali, assicurando che i governi non ignorassero gli interessi di nessuno dei pilastri. Il famoso sistema proporzionale austriaco era lo stesso. Alla luce delle battaglie ideologiche e del vero e proprio scontro tra le forze di destra e di sinistra nel periodo tra le due guerre, la politica austriaca dopo il 1945 si è organizzata intorno a un sistema a due partiti in cui il Partito Popolare Austriaco (OVP) e il Partito Socialdemocratico (SPO) si dividevano accuratamente il potere e l’influenza tra loro, in linea con le rispettive fortune elettorali. 

Nel corso degli ultimi decenni, le realtà sociologiche di base che sostenevano la divisione ideologica sinistra/destra sono state significativamente erose. Ciò è avvenuto a causa delle trasformazioni nella struttura economica, che hanno minato la tradizionale distinzione di classe tra proletariato e borghesia. Un processo generale di secolarizzazione ha diminuito la salienza della distinzione tra cittadini religiosi e non religiosi. E un processo generalizzato di mobilitazione cognitiva ha prodotto elettori molto meno disposti a prendere le piattaforme di partito come un dato di fatto e a seguire le istruzioni su come votare. Guardando indietro all’era post-1945, possiamo vedere cambiamenti fondamentali nei sistemi di valori, enormi miglioramenti nelle condizioni di vita, e un crollo impressionante in alcune delle forme di esistenza collettiva che eravamo arrivati a dare per scontate. 

In modo cruciale, tuttavia, queste profonde trasformazioni sociologiche non si rifletterono immediatamente in nuove forme di competizione politica. Come Lipset e Rokkan notarono già alla fine degli anni ’60, i sistemi di partito sono rimasti inizialmente “congelati” attorno a categorie ideologiche che si erano cristallizzate più di un secolo prima. Come risultato, gli scontri e le divisioni partitiche divennero sempre più scollegati dagli interessi e dai valori sociali sottostanti. Fino agli anni ’80, i sistemi partitici avevano più o meno lo stesso aspetto di quasi cento anni prima; persino i nomi dei partiti erano invariati. Eppure, le società occidentali avevano sperimentato la creazione dello stato sociale, un massiccio progresso nei diritti delle donne, l’eliminazione della discriminazione razziale sancita dallo stato, le rivoluzioni culturali degli anni ’60 e l’enorme espansione dei lavori dei colletti bianchi e l’associata esplosione delle economie nel settore dei servizi. Il risultato è stato una disconnessione fondamentale tra società e politica.

Il tecnopopulismo è per molti versi una conseguenza diretta di questa crescente separazione tra politica e società. Infatti, una volta che i concorrenti per le cariche elettorali cessano di essere responsabili nei confronti di classi o gruppi specifici all’interno della società, essi acquisiscono un incentivo a fare appello agli interessi e ai valori della società nel suo complesso, trattandola come una massa indifferenziata di singoli elettori. Sia la concezione populista del “popolo” che l’assunzione tecnocratica che ci siano soluzioni politiche oggettivamente “giuste” sono esempi di tali concezioni non mediate del bene comune. Così, l’ascesa del populismo e della tecnocrazia come nuovi poli strutturanti della politica democratica contemporanea può essere vista come derivante da ciò che Peter Mair ha chiamato il “vuoto” tra una società atomizzata e politicamente impotente, da un lato, e una classe politica autoreferenziale che cerca una convalida elettorale facendo appello a generalità astratte come “il popolo” o soluzioni politiche “giuste”, dall’altro6.

La concezione populista del “popolo” e l’assunzione tecnocratica che ci siano soluzioni politiche oggettivamente “giuste” sono esempi di tali concezioni non mediate del bene comune.

chris bickerton e carlo invernizzi accetti

In alcuni casi, la vuotezza della politica ideologica del XX secolo è stata rivelata in modi drammatici e bruschi. In Italia, la fine della guerra fredda ha coinciso con scandali di corruzione politica di proporzioni epiche. Il traballante corpaccione della politica di sinistra/destra in Italia fu spazzato via da questi eventi e nel giro di un paio d’anni i partiti di massa di destra e di sinistra – i democristiani, i socialisti e i comunisti – erano scomparsi. Un governo tecnocratico fu messo in piedi per riempire il vuoto nel 1993. Poi venne un lungo periodo in cui l’Italia oscillò tra il populismo di Berlusconi e gli aridi governi tecnocratici di centro-sinistra, la cui principale preoccupazione era mantenere l’Italia sulla strada dell’adesione alla moneta unica europea. All’inizio degli anni 2000, la logica tecnopopulista aveva assunto una posizione solida nella politica italiana.

In altri casi, l’ascesa del tecnopopulismo è stata meno netta. In Belgio, i cambiamenti descritti sopra sono evidenti nelle Fiandre, il che aiuta a spiegare la potente presa dei partiti populisti di estrema destra. Tuttavia, in Vallonia, il potere strutturante delle fratture socio-economiche continua ancora oggi. Come ha dimostrato la politologa Leonie de Jonge, il Partito Socialista vallone (PS) opera all’interno di una struttura sociale a pilastri che si estende nelle località della regione, così come all’interno delle organizzazioni dei media e di gran parte del settore pubblico7. Anche questo controesempio conferma comunque che la depillarizzazione e il collasso degli interessi organizzati sono gli incubatori chiave della nuova logica politica tecnopopulista.

Conseguenze del tecnopopulismo

Oltre ad essere il risultato di molte trasformazioni sociali profonde, l’ascesa del tecnopopulismo è anche gravida di conseguenze. La prima è la crescente conflittualità tra i concorrenti per le cariche elettorali. Si tratta di un fenomeno che è stato ampiamente commentato con riferimento all’idea che i politici contemporanei si trattano l’un l’altro più come “nemici” che come “avversari”, portando a una crescente tossicità del linguaggio politico che rende più difficile la cooperazione tra coloro che hanno opinioni diverse. Lo vediamo anche nel linguaggio delle “tribù” e del tribalismo, che è diventato un luogo comune nella scienza politica contemporanea. Nel 2018, il think tank britannico Policy Exchange ha pubblicato un rapporto intitolato “The Age of Incivility“, lamentando quello che ha descritto come “l’inasprimento della vita politica britannica” e indagandone le ragioni8.

Il tecnopopulismo può aiutare a spiegare questo fenomeno, poiché tende a sostituire l’asse orizzontale della competizione politica tra i poli ideologici di destra e di sinistra – che sono in linea di principio ugualmente legittimi l’uno all’altro – con un’opposizione verticale tra concezioni rivali dell’insieme sociale e delle sue parti costitutive, che sono per definizione gerarchicamente ordinate. Infatti, una volta che si pretende di parlare a nome del “popolo” nel suo insieme, o di possedere una sorta di “verità” politica, chiunque si trovi in disaccordo può apparire solo come l’espressione di un qualche tipo di “interesse speciale” o come completamente in errore. Così, sia il populismo che la tecnocrazia implicano un’implicita negazione della legittimità dell’opposizione politica, che emerge nel modo in cui la maggior parte dei politici contemporanei si trattano a vicenda. 

Sia il populismo che la tecnocrazia implicano un’implicita negazione della legittimità dell’opposizione politica, che emerge nel modo in cui la maggior parte dei politici contemporanei si trattano a vicenda. 

chris bickerton e carlo invernizzi accetti

Un’altra caratteristica saliente della politica democratica contemporanea è la sua desostanzializzazione. Anche se si attaccano abitualmente l’un l’altro personalmente, e a volte anche ferocemente, i contendenti contemporanei per le cariche pubbliche in realtà non sono in disaccordo su molto quando si tratta della sostanza della politica pubblica. Per esempio, nessuno sembra sfidare le coordinate di base del capitalismo o della democrazia, come è stato invece il caso per la maggior parte del XX secolo. Invece, si dice che il luogo primario della competizione politica si sia spostato sulle cosiddette questioni “culturali” o “simboliche”. Eppure, anche in questo campo, la maggior parte degli studi empirici rileva una crescente “convergenza” di valori tra fazioni politiche rivali9

Questo può sembrare paradossale, visti i livelli di tossicità politica a cui ci siamo abituati, ma può altresì essere letto come una conseguenza dell’ascesa del tecnopopulismo come nuova logica strutturante della politica democratica contemporanea. Quando tutti i candidati alle cariche elettorali sostengono di rappresentare gli interessi e i valori della società nel suo complesso, non possono davvero permettersi di inimicarsi le opinioni o gli interessi di un gruppo specifico al suo interno. Essi acquisiscono un incentivo a diluire le loro piattaforme politiche, facendole apparire il più possibile consensuali e ampiamente attraenti, al fine di mascherare qualsiasi conflitto sostanziale che esse potrebbero causare. 

Un’ulteriore conseguenza dell’ascesa del tecnopopulismo come nuova logica strutturante della politica democratica contemporanea è il crescente malcontento della maggior parte degli elettori verso la qualità della rappresentanza politica che viene loro offerta. Anche questo è un fenomeno che è stato ampiamente osservato e commentato. Nel momento stesso in cui i politici pretendono di offrire una rappresentazione più diretta e non mediata della vera volontà del popolo, e di avere le competenze necessarie per tradurla in politica, gli elettori sono sempre più insoddisfatti di loro. 

Si scopre che la disponibilità di una qualche forma di meccanismo di mediazione tra gli interessi e i valori disparati presenti all’interno della società e i risultati politici concreti risulta essere una condizione essenziale per un senso di rappresentanza democratica efficace. Senza un tale livello intermedio di organizzazione politica partitica, gli individui atomizzati sono semplicemente troppo deboli e statisticamente insignificanti per avere la sensazione che i loro punti di vista e interessi contino nel prendere decisioni collettivamente vincolanti. L’età della disintermediazione che ci porta alla logica politica tecnopopulista è quindi anche un’età di crescente disincanto nei confronti della democrazia.

Mentre il tecnopopulismo nasce da una crescente separazione – o disconnessione – tra la politica e la società (a sua volta radicata in una crisi dei tradizionali meccanismi di mediazione tra di loro), allo stesso tempo esacerba questa stessa separazione. Come un serpente che si morde la coda, è allo stesso tempo una manifestazione e una causa ulteriore dell’attuale crisi della rappresentanza politica. 

Mentre il tecnopopulismo nasce da una crescente separazione – o disconnessione – tra la politica e la società (a sua volta radicata in una crisi dei tradizionali meccanismi di mediazione tra di loro), allo stesso tempo esacerba questa stessa separazione.

chris bickerton e carlo invernizzi accetti

Rimedi

Se l’analisi che abbiamo fornito è corretta, ne consegue che populismo e tecnocrazia non possono funzionare come rimedi efficaci l’uno per l’altro. Tuttavia, questo è ciò che sentiamo più spesso dagli stessi populisti e tecnocrati. I primi sostengono che appellarsi più direttamente alla “volontà popolare” può aiutare a rimediare alla confisca del potere da parte delle élite tecnocratiche; i secondi, che un appello alla competenza e all’esperienza è necessario per controbilanciare l’irresponsabilità dei populisti. I commentatori tendono ad essere d’accordo, di solito raccomandando un po’ più tecnocrazia qui, o un po’ meno; un po’ più populismo là, o un po’ meno. Ma questo finisce solo per rafforzare la logica politica tecnopopulista, poiché l’implicazione è che una rappresentanza politica efficace richiede di trovare una sorta di “equilibrio” o “sintesi” tra loro.

Al contrario, vedere il populismo e la tecnocrazia come componenti complementari di una logica politica comune implica che possono essere contrastati solo insieme, affrontando la sottostante crisi della mediazione politica da cui entrambi emergono e a cui entrambi partecipano. Ciò che è realmente necessario per ripristinare un senso di effettiva rappresentanza democratica è quindi esattamente l’opposto di più appelli diretti alla “volontà popolare” e più competenze in politica. Le forme intermedie di organizzazione politica, e la divisione partitica su base ideologica che le accompagna, sono il vero rimedio contro il tecnopopulismo.

Per essere chiari, sarebbe anacronistico sperare in una rivitalizzazione dei partiti politici e delle lotte ideologiche del secolo scorso – anche perché abbiamo sostenuto sopra che il tecnopopulismo deriva proprio dalla loro incapacità di rinnovarsi e di dare un’adeguata espressione politica ai conflitti e alle divisioni sociali contemporanee. Tuttavia, l’idea che là fuori esista una “volontà popolare” completa e monolitica da trovare, o che qualcuno abbia accesso a una sorta di “verità” politica oggettiva, che trascende tutti i conflitti e le divisioni all’interno della società, è altrettanto fittizia. 

La sfida posta dall’ascesa del tecnopopulismo sta quindi nel concepire e portare avanti nuove forme di intermediazione politica – cioè nuove forme di partigianeria e di lotta ideologica – intorno ai concreti conflitti di interesse e di valore che esistono oggi nella società.

Note
  1. Eric Schattschneider. 1960. The Semi-Sovereign People, A Realist’s View of Democracy in America, Boston: Wadsworth.
  2. Simon Kuper. 2021. ‘Dutch lessons on staying in power (for ever)’, Financial Times Weekend Magazine, 13/14 March 2021.
  3. Bernard Manin. 1997. The Principles of Representative Government, Cambridge: Cambridge University Press.
  4. Marcel Gauchet. 2017. Une Etrange Victoire, Le Débat, 4: 196.
  5. Seymour Martin Lipset and Stein Rokkan. 1967. Party Systems and Voter Alignments: Cross-National Perspectives, New York: Free Press.
  6. Peter Mair. 2012. Ruling the Void: The Hollowing Out of Western Democracy. London: Verso.
  7. Léonie De Jonge. 2021. The Success and Failure of Right-Wing Populist Parties in the Benelux Countries, London: Routledge.
  8. Trevor Philips and Hannah Stuard. 2018. An Age of Incivility: Understanding the New Politics. Policy Exchange. https://policyexchange.org.uk/publication/an-age-of-incivility/
  9. Hanspeter Kriesi, Edgar Grande, Martin Dolezal, Marc Helbling, Dominic Hogliner, Swen Hutter and Bruno Wuest. 2012. Political Conflict in Western Europe, Cambridge: Cambridge University Press.