Economia

Mediobanca e la geopolitica della finanza: dal Marshall Plan al Recovery Plan

Long form

Se spesso all’industria del lusso è attribuito un valore meramente economico, la Francia dimostra come esso in realtà abbia un forte potenziale geopolitico. In un momento in cui l’approfondimento dei legami tra Roma e Parigi sono di nuovo all’ordine del giorno, in quest’articolo Uberto Andreatta prende spunto da Proust e Machiavelli, passando per il Re Sole, per indicare come l’Italia potrebbe fare tesoro dell’esperienza d’oltralpe e usare la propria industria del lusso in maniera strategica per trasmettere ‘una certa idea di sé’.

In questo working paper, l’economista Andrea Capussela offre una prospettiva critica sul piano di ripresa italiano. Secondo lui, la ripresa deve usare una scala diversa: l’Europa. Allo stesso tempo, anche l’Unione deve scommettere sulla penisola. Un approccio audace, da leggere in continuità con le proposte di Jean Pisani-Ferry e Olivier Blanchard per la Francia.

Il piano di stimolo su larga scala adottato dal Congresso su iniziativa dell’amministrazione Biden e l’aumento delle previsioni di crescita che l’hanno seguito hanno rapidamente suscitato un dibattito in Francia e in Europa: dovremmo fare lo stesso? Se non lo facciamo, siamo a rischio di stallo?

Quale futuro per l’Africa nel prossimo decennio?

Il lancio operativo dell’AfCFTA il 1° gennaio 2021 offre l’opportunità di immaginare a cosa potrebbe assomigliare un continente africano integrato e prospero alla fine del decennio e quali strade si aprono: secondo Giovanni Faleg, IUESS, l’integrazione continentale appare fondamentale per il riassetto economico e la resilienza dell’Africa.

La pandemia ha cambiato tutte le regole, è ora di mettere in discussione i principi. Olivier Blanchard e altri due economisti internazionali propongono di abolire le regole di bilancio europee e sostituirle con degli standard, aprendo un dibattito essenziale sul futuro del Patto di stabilità e sul nuovo consenso europeo. Un testo da leggere in tutte le lingue della rivista.