La rivalità fra la Cina e gli Stati Uniti organizza il mondo. La Cina è ovunque e noi non ne sappiamo praticamente nulla. La struttura del nostro dibattito pubblico fa in modo che noi siamo molto più informati sulle dinamiche interne al partito socialista francese rispetto a come funziona il più grande partito al mondo, il Partito comunista cinese. L’ignoranza quasi assoluta del sistema politico cinese, della sua dottrina e delle sue tensioni ci impediscono di riflettere collettivamente a come posizionarci nel mondo che Xi Jinping ha intenzione di creare. Questo è un problema. 

Con la pandemia, la Repubblica popolare Cinese sembra essersi allontanata ancora di più e aver tagliato i ponti con il resto del mondo. A novembre, il XX° Congresso del Partito Comunista Cinese dovrebbe rieleggere Xi Jinping al potere. Mentre l’invasione dell’Ucraina concentra l’attenzione dei media sulla Russia, la vita intellettuale e politica cinese resta sconosciuta. 

Con il Grand Continent, abbiamo deciso di dedicare una nuova serie settimanale – La dottrina della Cina di Xi Jinping – coordinata dal sinologo David Ownby, professore all’Università di Montréal che ha appena tenuto una serie di corsi al Collège de France1, direttore di Voices from the Chinese Century2 e di Reading the China Dream3.

Una volta a settimana, pubblicheremo dei testi chiave, inediti in italiano, contestualizzati e commentati. Come spiega David Ownby: “La Cina è diventata una grande potenza, le idee cinesi sono importanti, quale che sia la loro qualità di fondo. Questa serie ha come scopo di aiutare il pubblico europeo a capirle.”

In questa serie pubblicheremo dei testi, inediti in italiano, tradotti e commentati da lei di “intellettuali pubblici” influenti nella Cina di Xi Jinping. Che cosa intende con questa formula?

Il concetto di intellettuale pubblico – establishment intellettuale secondo la formulazione inglese – può essere inteso in molte maniere. In questa serie, ci concentreremo soprattutto sugli accademici, spesso professori all’università, che, oltre alle loro pubblicazioni specifiche nell’ambito dei loro studi, scrivono anche con l’obiettivo di influenzare la politica del governo e l’opinione pubblica. 

Questi intellettuali pubblici in Cina accettano le regole del gioco politico che vengono definite dalle autorità cinesi, il che non significa che fanno da pappagalli alla propaganda del Partito-Stato; al di fuori degli argomenti tabù – lo Xinjiang, Taiwan, Hong Kong, Tibet – c’è un forte dibattito, senza esclusione di colpi, che si svolge costantemente in CIna, e il mondo intellettuale non è poi così “armonioso” come desidererebbero lo autorità cinesi, ma neppure così totalitario come i media occidentali sembrano suggerire.

Al giorno d’oggi, in Cina, quasi tutti gli intellettuali pubblici pensano attraverso concetti, categorie o riferimenti che vengono da Occidente. Anche chi sostiene il regime di Xi Jinping utilizza le nostre categorie di pensiero e cita autori occidentali.

David ownby

Ovviamente gli intellettuali pubblici molto raramente sono dei dissidenti, parola che per le autorità cinesi designa chi cerca attivamente di sovvertire il regime. Trovarsi fuori dal sistema i Cina porta a conseguenze severe: la prigione o l’esilio, la perdita quasi totale dell’influenza in Cina. Quindi, utilizzando diverse strategie di scrittura, gli intellettuali pubblici devono trovare dei metodi per segnalare alle autorità la loro fedeltà al progetto del Partito-Stato, pur essendo, con i loro interventi, dei fornitori di contenuti per un regime che molti vorrebbero vedere evolversi in un senso più democratico. 

Che relazione hanno gli intellettuali pubblici cinesi con l’Europa e l’Occidente?

Anche se agli inizi del XX° secolo ci fu una grande rottura con la tradizione confuciana, l’immagine che gli intellettuali cinesi hanno di loro stessi rimanda sempre a una forma di continuità e di fierezza con una lunga tradizione percepita come specificatamente cinese. 

Con l’allontanamento della Cina dall’ideologia e dalla rivoluzione e il rivolgersi verso il pragmatismo e lo sviluppo economico, lo status degli intellettuali dell’establishment cinese è passato da quello di “preti” al servizio della “chiesa” ortodossa del marxismo-leninismo in chiave maoista a quello di “professionisti” impegnati nel loro ambito, come avviene per gli intellettuali di tutto il mondo.

Gli intellettuali cinesi hanno cominciato a essere influenzati dalle correnti di pensiero esterne. Ormai molto spesso hanno ricevuto una parte della loro educazione in Occidente, specialmente nelle grandi università degli Stati Uniti. Oggi in Cina quasi tutti gli intellettuali pubblici pensano con concetti, categorie o riferimenti che vengono dall’Occidente. Anche chi sostiene il regime di Xi Jinping utilizza le nostre categorie e cita autori occidentali. 

Possiamo sorprenderci di come una parte di questi intellettuali usi Carl Schmitt… Carl Schmitt è diventato un riferimento, soprattutto per la Nuova Sinistra, ma l’influenza delle idee occidentali è allo stesso tempo più vasta e più anodina. I Liberali analizzano il movimento Black Lives Matter con dei libri di Samuel Huntington, come “L’incontro delle civiltà”, un libro del 2004 dove dice che gli Stati Uniti perdono la loro identità anglosassone e quindi il loro consenso politico a causa dell’immigrazione di massa, Gan Yang rivisita i testi originali in Greco e in Latino per commentare la trappola di Tucidide, Yao Tang costruisce un “liberalismo confuciano” in risposta alle teorie di Rawls. Non si tratta quindi di riferimenti di nicchia o di autori citati solo per mostrare l’erudizione degli intellettuali cinesi. Ne hanno assorbito il canone…

Carl Schmitt è diventato un riferimento, soprattutto per la Nuova Sinistra, ma l’influenza delle idee occidentali è allo stesso tempo più vasta e più anodina.

david Ownby

Questo movimento fa parte della relazione della Cina con l’Occidente dalla fine del XIX° secolo, ma il tutto ha acquisito velocità dopo la stagione di riforme e di apertura. 

© Groupe d’études géopolitiques

Questo movimento è abbastanza nuovo. Al punto che talvolta diventa difficile identificare negli scritti dei più importanti intellettuali cinesi contemporanei gli elementi specificatamente cinesi. Anche chi oggi difende un marxismo-leninismo ortodosse, passa da concetti occidentali. Un buon numero di intellettuali cinesi parlano e soprattutto leggono correntemente l’inglese. Essere un buon intellettuale nella Cina di oggi significa essere cresciuto in un mondo globalizzato. 

Si tratta di un cambiamento radicale rispetto alla guerra fredda…

Durante la guerra fredda, eravamo abituati a vedere la relazione fra gli intellettuali e le autorità nei regimi comunisti come qualcosa di conflittuale. Ogni intellettuale degno di questo nome era contro il regime e a favore della democrazia, il che ha dato un ruolo fondamentale alla storia della dissidenza e ai dissidenti. 

Questa storia esiste ancora in Cina: i soli intellettuali conosciuti fuori dalla Cina sono dei dissidenti come Ai Weiwei e Liu Xiaobo. Ma oltre questo mondo – piuttosto ristretto – dei dissidenti esiste un altro vasto mondo di intellettuali pubblici che sono più importanti dei dissidenti, per la Cina stessa e per i nostri tentativi di capire la Cina. 

Per che motivo?

Gli intellettuali e le idee sono importanti perché la Cina è alla ricerca di una nuova fonte di legittimità politica dopo la morte di Mao e la sua adesione alle “rivoluzione continua”. 

Deng Xiaoping ha portato come bandiera il progresso materiale, le riforme, l’apertura e lo sviluppo economico stupefacente della Cina dopo gli anni 1980 sono testimoni della “saggezza” della sua visione. Tuttavia, malgrado le centinaia di milioni di cinesi che non vivono più in povertà negli ultimi decenni, malgrado la trasformazione completa del paesaggio urbano cinese, dei dubbi profondi persistono sull’identità e sul futuro della Cina. Sempre più ci si chiede: quando la Cina avrà sconfitto l’Occidente al suo proprio gioco, diventando la nuova superpotenza planetaria, che cosa ne sarà della “Cina” e della “civiltà cinese”? Gli intellettuali pubblici hanno un ruolo importante nel cercare di rispondere a queste domande. 

Sempre più ci si chiede: quando la Cina avrà sconfitto l’Occidente al suo proprio gioco, diventando la nuova superpotenza planetaria, che cosa ne sarà della “Cina” e della “civiltà cinese”? 

David Ownby

In che senso?

Negli anni 1980, nonostante delle importanti divergenze di opinioni nello spettro intellettuale e politico, la maggior parte degli intellettuali, anche in Cina, si aspettava che la Cina divenisse una sorta di democrazia. Forse non una democrazia liberale, forse non una democrazia che avrebbe seguito il principio di “una persona, un voto”, ma qualcosa di molto diverso dal modello autoritario/totalitario che caratterizzava la politica cinese dalla rivoluzione del 1949. 

Il massacro di Tienanmen e la dissoluzione dell’Unione sovietica hanno posto in dubbio la fede nell’ineluttabilità della democrazia, poiché hanno fatto intravedere che inseguire libertà e democrazia potevano condurre al caos. Il Partito-Stato ha risposto a questa sfida con una serie di misure che hanno come obiettivo una riforma del mercato e della competitività mondiale e, allo stesso tempo, il rafforzamento del regime autoritario. Queste decisioni hanno distrutto il debole consenso “liberale” che aveva caratterizzato gli anni 1980, aprendo al contempo la finestra per un dibattito serio nella comunità degli intellettuali pubblici. 

Come si è configurato il dibattito cinese dopo il massacro di Tienanmen?

I “liberali” che avevano dominato le discussioni negli anni 1980 si sono divisi in più gruppi in concorrenza. Alcuni sostenevano che la riforma del mercato non avrebbe solamente reso l’economia più dinamica, ma avrebbe anche fatto scomparire le vestigia dell’autocrazia feudale (e maoista) della Cina, sul piano politico e sociale. 

Altri temevano che le forze di mercato avrebbero creato un nuovo capitalismo di convivenza, principalmente oligarchico, che avrebbe arricchito lo Stato e i grandi capitalisti alle spese del popolo. Simili preoccupazioni avevano fatto nascere la “Nuova Sinistra”, un gruppo di intellettuali non liberali che si proponevano di rinnovare il socialismo tramite una lettura creativa  delle tradizioni socialiste e maoiste, unite a un’adesione al post-modernismo occidentale e alla teoria critica. 

A destra, un gruppo di intellettuali conservatori dal punto di vista culturale, conosciuti sotto il nome di “nuovi confuciani” denunciava insieme i liberali e la nuova sinistra, insistendo sul fatto che la tradizione cinese, reinventata correttamente, forniva già tutte le risposte che la Cina aveva bisogno per trovare una via stabile per il suo futuro sviluppo. Questi gruppi hanno preso parte a dibattiti dai tratti feroci duranti tutti gli anni 1990. 

La fiducia nascente della Cina è stata rinforzata dal declino apparente della democrazia liberale occidentale: il blocco del Congresso americano, la crisi finanziaria mondiale del 2008 (come risultato dell’incapacità del governo americano a regolare il settore finanziario), la Brexit e la crescita del populismo in Europa, l’elezione di Donald Trump, il fallimento delle guerre senza fine in Medio Oriente…

david ownby

Questo dibattito continua anche quando Xi Jinping arriva al potere nel 2012?

Assolutamente sì. Anche se i temi e il contesto politico sono cambiati in Cina e a livello mondiale. Agli inizi del XXI° secolo, le riforme e l’apertura hanno prodotto la crescita impressionante della Cina, e si è diffusa l’idea che il ritorno della Cina allo status di grande potenza era un evento mondiale di proporzioni storiche, che avrebbe inaugurato un’era di cambiamenti fondamentali, equivalenti a quando le monarchie hanno fatto spazio alle democrazie o a quando gli Stati Uniti hanno ereditato dalla Gran Bretagna la leadership mondiale. Questo ha spinto gli intellettuali a ripensare i miti fondatori della loro comprensione del passato, del presente e del futuro della Cina e del mondo. 

La fiducia nascente della Cina è stata rinforzata dal declino apparente della democrazia liberale occidentale: il blocco del Congresso americano, la crisi finanziaria mondiale del 2008 (come risultato dell’incapacità del governo americano a regolare il settore finanziario), la Brexit e la crescita del populismo in Europa, l’elezione di Donald Trump, il fallimento delle guerre senza fine in Medio Oriente…

E in questo contesto che il presidente cinese Xi Jinping, all’inizio del suo mandato nel 2012, ha parlato di “sogno cinese” (zhongguo meng), insistendo sul rinascimento del grande popolo – la nazione cinese -, come obiettivo strategico di lungo periodo del Partito comunista sotto la sua direzione.

Non si tratta invece di uno strumento di propaganda, di uno vuoto slogan politico?

Il “sogno cinese” è uno slogan politico. Se sembra uno slogan vuoto, è perché il contenuto di questo sogno non è stato specificato e molti intellettuali sono stati più che felici di proporre ciò che mancava. 

Da un lato, “il sogno cinese” vuole sfidare “il sogno americano” e suggerire che la crescita della Cina le farà superare gli Stati Uniti, restituendole lo spazio che le appartiene di diritto in quanto potenza mondiale. Tenendo conto dei progressi materiali spettacolari della Cina nell’ultimo decennio, la realizzazione del “sogno cinese” sembra un orizzonte di prosperità possibile per la classe media cinese. 

D’altra parte, Xi Jinping vuole che il “sogno cinese” sia specificatamente cinese – anche se può essere un modello per il resto del mondo. Consolidando il suo potere, Xi ha fatto appello a un ritorno all’ideologia che disciplini il partito e motivi il popolo. Questa ideologia deve fondere lo spirito comunista con la ricchezza della civiltà confuciana tradizionale. 

Da un lato, “il sogno cinese” vuole sfidare “il sogno americano” e suggerire che la crescita della Cina le farà superare gli Stati Uniti, restituendole lo spazio che le appartiene di diritto in quanto potenza mondiale. 

david ownby

Che risposta danno gli intellettuali pubblici a questa proposta?

Gli intellettuali pubblici cinesi hanno risposto con entusiasmo allo sviluppo della Cina e, con poche eccezioni, al “sogno cinese”. La possibilità che la Cina potesse ritrovare il suo status di grande potenza senza essere completamente occidentalizzata è stata, per molti, un’idea elettrizzante, ricca di potenziale per ripensare le basi della modernità.

© Groupe d’études géopolitiques

Il sospetto, nato nel “secolo dell’umiliazione” della Cina, secondo il quale la Cina potrebbe essere inferiore all’Occidente, si fa sempre più raro, rimpiazzato dalla speranza che la legittimità che la Cina cerca dall’era delle riforme e dell’apertura è a portata di mano. Di conseguenza, e malgrado le misure di repressione di Xi Jinping rispetto alla diversità ideologica, la vita intellettuale cinese dallo sviluppo della Cina in poi è particolarmente dinamica, poiché i pensatori concorrono per fornire un contenuto al sogno cinese di Xi Jinping. 

Come si è trasformato il ruolo degli intellettuali nel corso di questo periodo? Che ruolo viene lasciato loro da Xi Jinping, se il “pensiero di Xi Jinping” è iscritto, dal 2017 nella Carta del Partito comunista cinese, vicino al pensiero di Mao Zedong e alla teoria di Deng Xiaoping? 

Dal suo arrivo al potere, Xi Jinping si è trovato confrontato con un pluralismo intellettuale pericoloso per lui, perché si poteva coniugare pluralismo intellettuale e pluralismo politico? Dall’inizio del suo mandato cerca di imporre una disciplina ideologica e intellettuale che ricorda un po’ l’epoca di Mao. Ma il partito non ha più lo stesso livello di controllo, ed esiste tutto un mondo di giornali, riviste, libri e siti web in Cina che sono alla costante ricerca di contenuto “da vendere”. 

Se quindi da un lato la vita delle idee in Cina ristagna un po’ rispetto agli anni 2000 e che molti intellettuali si sono fatti più moderati, la maggior parte continua a scrivere senza menzionare Xi Jinping e il suo pensiero. Allo stesso modo, lo sviluppo della Cina nel corso degli ultimi decenni ha creato delle forze economiche che rischiano di sfuggire al controllo del Partito-Stato, anche le “forze intellettuali” hanno la loro indipendenza. 

Come si è evoluta la definizione del sogno cinese durante la pandemia da Covid-19?

Come sappiamo, le origini della pandemia si trovano in Cina. Ma il modo in cui la Cina ha messo in campo risorse per controllare la pandemia ha confortato i cinesi nell’idea che il loro governo sia superiore a quello che si può trovare altrove. La gestione della prima ondata da parte di XI Jinping ha aumentato la legittimità del partito. I Cinesi hanno potuto vedere con i loro occhi il costo disastroso della libertà. Il loro regime era superiore, più efficace. 

 Il modo in cui la Cina ha messo in campo risorse per controllare la pandemia ha confortato i cinesi nell’idea che il loro governo sia superiore a quello che si può trovare altrove.

david ownby

Da meno di un anno, il resto del mondo ha però preso un’altra decisione, quella di vivere con il virus. La Cina, per ragioni largamente politiche, è rimasta sulla politica di tolleranza zero, che diventa sempre più difficile da difendere per più ragioni. La Cina vive del commercio estero. Di conseguenza, quando chiude le sue frontiere e limita il numero di persone che possono essere accolte, si da la zappa sui piedi, mettendosi in difficoltà. I Cinesi sono coscienti del terribile impatto della pandemia sulla loro economia. I coprifuoco molto stretti come quello che si è svolto a Shanghai sono sempre più difficili da far accettare dalla popolazione cinese. 

La politica zero-covid è un disastro economico, sembra sempre meno giustificata per delle ragioni sanitarie e ha un costo politico sempre più evidente. Perché allora gode di un’inerzia così grande?

Qualche mese fa, la politica di tolleranza zero verso il Covid era giustificata dal governo cinese per il fatto che molti anziani in Cina non avevano il vaccino. C’era dunque un rischio che numerosi Cinesi morissero. Se negli Stati Uniti di Donald Trump l’idea di lasciar morire centinaia di migliaia di persone a causa del Covid era comprensibile nel discorso pubblico o in un contesto liberale o libertario, in Cina il governo ha una forte responsabilità nel proteggere la salute della popolazione. Se si immagina che la Cina abbandoni la sua politica zero-covid e che il Covid faccia disastri come ha fatto nel mondo negli ultimi anni, lo svolgimento del Congresso potrebbe essere messo in discussione. Xi Jinping però vuole a tutti i costi ottenere il suo terzo mandato. Il suo potere è abbastanza solido ma se dovesse esserci un aumento del numero dei morti, questo indebolirebbe la sua posizione e dovrebbe risponderne alla popolazione cinese. Sicuramente ciò non sarebbe sufficiente a indebolirlo a tal punto da lasciare il suo posto, ma potrebbe avere conseguenze abbastanza difficili da gestire in un momento delicato per lui. Si tratta quindi di una questione molto politica. E’ facile pensare che dopo il XX° Congresso del Partito comunista cinese in autunno il regime abbandonerà progressivamente la politica zero-Covid.  

Il XX° Congresso del partito comunista a novembre sarà un momento cruciale dei prossimi mesi. La riconferma di Xi Jinping le sembra probabile? Che cosa significa la soppressione del limite di mandati riguardo ai progetti di Xi Jinping e più in generale per il regime politico cinese?

E’ una questione molto importante. Ammetto di non conoscere esattamente quali assi politici Xi Jinping abbia nella manica. Pensavo che la Cina avesse imparato la lezione della storia e dell’esperienza di Mao Zedong. Per altro, non sono davvero convinto che l’insieme della popolazione cinese pensi che la sua riconferma sia una buona idea. Gli intellettuali pubblici non mostrano alcuna forma di resistenza ma c’è chiaramente poco entusiasmo.

Come si esprimono queste esitazioni?

Xi Jinping ha investito molto sul suo pensiero e sugli sforzi per imporre più disciplina. La maggior parte degli intellettuali cinesi però non sono troppo convinti e continuano a proporre piste alternative, come per esempio un liberalismo-confuciano. Ci sono molti dibattiti. Se Xi Jinping lascia intendere che la linea è chiara e il quadro ben definito, gli intellettuali non sembrano così convinti. 

La Cina è molto meno libera rispetto a prima dell’ascesa di Xi Jinping. Nei primi anni del XXI° secolo si poteva leggere, in pubblicazioni importanti, che la rivoluzione aveva perso il suo significato e che bisognava inventare qualcosa di nuovo. Gli stessi dibattiti presenti prima dell’arrivo di Xi Jinping continuano ma sono più moderati e discreti. Xi Jinping crede di aver trovato la formula che determinerà la direzione della Cina e del mondo. Tuttavia, non sono sicuro che riuscirà a convincere il semplice cittadino cinese. 

 Xi Jinping crede di aver trovato la formula che determinerà la direzione della Cina e del mondo. Tuttavia, non sono sicuro che riuscirà a convincere il semplice cittadino cinese. 

david ownby

Per che motivi?

Credo che riguardi gli effetti della politica di riforme e di apertura sulla mentalità degli intellettuali cinesi. Pensano con categorie e concetti occidentali. Sotto Mao Zedong, c’era un solo linguaggio: quello dello Stato-Partito. Gli intellettuali dovevano utilizzarlo nei loro scritti. Dalla politica di riforma e apertura in poi, hanno imparato a parlare e a pensare diversamente, come gli occidentali. Un buon numero di intellettuali è giunto alla conclusione che l’ideologia di Xi Jinping sia obsoleta. La Cina è divenuta ricca e potente grazie alla mondializzazione. Tuttavia, il regime continua a impiegare un vocabolario marxista-leninista. Mi è capitato di tradurre diversi testi di un intellettuale cinese, Yuan Peng, grande specialista delle relazioni internazionali, soprattutto sino-americane. Quando scrive in quanto intellettuale pubblico, scrive più o meno come tutti, in uno stile accessibile. Poi un giorno scopro un testo in cui parla di sicurezza nazionale, un concetto veicolato costantemente da Xi Jinping dal suo arrivo al potere. In esso, Yuan Peng ha dovuto esprimersi in un registro differente, scrivendo in quanto membro del partito comunista cinese con lo stile e la lingua della propaganda. Per me, quel testo era quasi illeggibile. Ci sono uno stile e un vocabolario che sono propri della lingua del Partito-Stato e una lingua propria degli intellettuali. Gli slogan scompaiono nella lingua degli intellettuali. A volta, la lingua del Partito-Stato mi ricorda le messe in latino. Pur avendo i cattolici abbandonato l’uso del latino, la Chiesa ha continuato a utilizzarlo. In Cina c’è una situazione simile. Penso che la maggior parte degli intellettuali cinesi che sostengono il regime in maniera generale preferiscano di gran lunga che il regime volti pagina in termini di ideologia, sia per la sopravvivenza del regime, sia per il resto del mondo. 

© Groupe d’études géopolitiques

Molti intellettuali si rammaricarono dell’innalzamento della tensione fra Cina e Stati Uniti all’inizio della pandemia. Il fatto che la Cina continui a presentarsi come un regime comunista non gli permette di farsi molti alleati nel mondo. Di fatto, tutti gli Stati che sono favorevoli alla Cina non lo sono per delle ragioni ideologiche ma per delle ragioni materiali. Anche se gli intellettuali cinesi aderiscono al messaggio dietro la parola politica di Xi Jinping, pensano sovente che bisognerebbe trovare una nuova formulazione. Bisognerebbe rivedere il marketing del linguaggio di Xi Jinping per far sì che i Cinesi possano capire il messaggio politico dei loro dirigenti. 

A volta, la lingua del Partito-Stato mi ricorda le messe in latino. Pur avendo i cattolici abbandonato l’uso del latino, la Chiesa ha continuato a utilizzarlo. In Cina c’è una situazione simile. 

david ownby

La guerra in Ucraina ha dato nuova linfa al fronte occidentale che sembrava sempre più disunito. La Cina da parte sua occupa una posizione ambigua di sostegno più o meno implicito rispetto alla Russia. Come viene interpretata questa dinamica in Cina?

Appena dopo l’invasione russa dell’Ucraina, decine di testi sono stati pubblicati per appoggiare la posizione del governo cinese, secondo la considerazione che la minaccia della NATO giustificava questa guerra. Tuttavia altri testi, che scopriremo in questa serie di pubblicazioni, hanno sollevato dei dubbi sul gesto russo. Questo ragionamento mi interessa. Molti intellettuali considerano che l’intervento in Ucraina non abbia alcun senso strategico. Putin è riuscito a ricostruire un’alleanza della maggior parte dei paesi sviluppati contro di lui. Si tratta di un potere in declino. La domanda che viene posta è quella del sostegno cinese. Una parte degli intellettuali avrebbe senza dubbio preferito che la Cina si fosse distanziata dalla Russia, ma si tratta di una questione abbastanza delicata. Non possono dire a chiare lettere che il sostegno della Cina alla Russia non ha senso ma pongono diverse domande. Penso però che la popolazione cinese sposi la linea del regime. 

Vede dei paragoni con la situazione di Taiwan?

Assolutamente sì. Gli intellettuali non parlano di Taiwan. E’ un argomento tabù ed è raro vedere degli intellettuali scrivere delle cose interessanti su Taiwan. Io penso che la maggior parte dei Cinesi siano d’accordo con l’idea che Taiwan sia parte della Cina. Se però pochi sostengono l’indipendenza di Taiwan, questo non vuol dire che la maggior parte sia favorevole a una campagna militare. La maggior parte dei nazionalisti in Cina pensano che la fine dell’indipendenza di Taiwan sia inevitabile perché la considerano una verità storica. Tuttavia, sono altrettanto convinti che un simile intervento rischi di mettere in pericolo tutto ciò che la Cina ha raggiunto negli ultimi quarant’anni. Molti pensano che l’alleanza contro la Russia possa ricostruirsi se la Cina agisse contro Taiwan. La mia impressione è che gli intellettuali siano ampiamente convinti che la Cina debba adottare una postura moderata a proposito di Taiwan e dell’Ucraina. Se non ci fosse stata nessuna reazione europea dopo l’invasione russa, se i russi fossero arrivati a Kyiv, penso che la Cina avrebbe potuto farsi altre idee. Ma i risultati sono molto più ambigui – il che sembra incitare a essere moderati.

Note
  1. “La montée en puissance de la Chine et la réponse des intellectuels publics chinois”, Cours au Collège de France, Année 2021-2022 https://www.college-de-france.fr/site/anne-cheng/p482230892072591_content.htm
  2. Voices from the Chinese Century, Public Intellectual Debate from Contemporary China Edited by Timothy Cheek, David Ownby, and Joshua A. Fogel, New York, Columbia University Press, 2019
  3. https://www.readingthechinadream.com/about.html
Credits
I prossimi testi della serie:

• Agosto/settembre («Prime coordinate cinesi»)

— Xu Jilin, « Il nuovo Tianxia: Ricostruire l'ordine interno ed esterno della Cina »
— Qin Hui, « La guerra tra la Russia e l'Ucraina, un paragone con la guerra tra l'URSS e la Finlandia. »
— Jiang Shigong, « Il "decennio critico delle relazioni sino-americane: il "nuovo impero romano" e la "nuova grande lotta". »
— Xiang Lanxin, « A proposito della diplomazia del "lupo guerriero". »
— Gan Yang et Liu Xiaofeng, « Il posizionamento culturale e l'autodistruzione dell'Università di Pechino »
— Wang Shaoguang, « Politica morale tradizionale e concetti contemporanei di governo »

• Ottobre/novembre (« La XXe sessione: il Partito e Xi Jinping »)

— Jiang Shigong, « Filosofia e storia: interpretare l'era di Xi Jinping attraverso il rapporto di Xi al XIX Congresso nazionale del PCC »
— Yao Yang, «Le sfide del partito comunista cinese e la ricostruzione della filosofia politica »
— Sun Liping, « Volete che facciano tre bambini? Prima di tutto, dategliene una ragione »
— Chen Ming, « Trascendere la sinistra e la destra, unire le tre tradizioni, il nuovo Partito-Stato: un'interpretazione confuciana del sogno cinese »
— David Ownby, « Lo sviluppo della Cina e il mondo del pensiero cinese »