Una versione in inglese di questo testo è disponibile sul sito del Groupe d’études géopolitiques.

È tempo che l’Unione europea intensifichi il suo impegno strategico nell’Indo-Pacifico e la sua cooperazione con gli attori della regione. Come concetto, l’Indo-Pacifico è molto in voga di questi tempi. I politici, i diplomatici, gli strateghi e gli analisti dei think tank stanno tutti discutendo su ciò che il futuro riserva a questa regione dinamica. Accolgo con favore questo dibattito e credo che l’UE abbia una grande posta in gioco nella regione e un grande contributo da dare.

L’Indo-Pacifico è allo stesso tempo uno spazio strategico e una realtà geografica. Nella definizione che gli diamo come Unione europea, esso si estende dall’Africa orientale agli Stati insulari del Pacifico. Sta diventando il centro di gravità mondiale, sia in termini geoeconomici che geopolitici. 

Permettetemi di dare alcune cifre per chiarire questo punto: l’Indo-Pacifico crea il 60% del PIL globale e due terzi della crescita globale. È la seconda destinazione più grande per le esportazioni dell’UE e ospita quattro dei dieci principali partner commerciali dell’UE. In altre parole, siamo anche un attore dello sviluppo dell’Indo-Pacifico. 

Il futuro non farà che aumentare ulteriormente l’importanza dell’area. Entro il 2030, la stragrande maggioranza (90%) dei 2,4 miliardi di nuovi membri della classe media verrà dalla regione.  

Tuttavia, in mezzo a tutto questo dinamismo, le sfide alla stabilità regionale continuano a moltiplicarsi: dispute marittime e terrestri, crisi interne e conflitti, e la competizione geopolitica USA-Cina che si sta intensificando. Ne vediamo le conseguenze in tutto il mondo, ma soprattutto in questa regione. 

Un chiaro segnale è il forte rafforzamento militare regionale. Ecco un’altra statistica eloquente: 

La quota della spesa militare globale dell’Indo-Pacifico è passata dal 20% nel 2009 al 28% nel 2019 e sta aumentando ulteriormente. Ciò significa che i paesi di questa regione stanno investendo pesantemente nelle loro forze armate, poiché non sono sicuri di cosa riserva il futuro. È un segno di un peggioramento del panorama della sicurezza regionale. 

In mezzo a tutto questo, la democrazia e le libertà fondamentali sono sotto attacco, come abbiamo visto di recente in Myanmar.

Il rischio in una tale situazine è che la politica e il nazionalismo prevalgano sullo sviluppo economico e la cooperazione, che sono stati il collante che ha tenuto insieme i paesi della regione e ha sollevato milioni di persone dalla povertà. 

Il rischio in una tale situazine è che la politica e il nazionalismo prevalgano sullo sviluppo economico e la cooperazione, che sono stati il collante che ha tenuto insieme i paesi della regione e ha sollevato milioni di persone dalla povertà. 

josep borrell

Ma l’architettura di sicurezza dell’Asia e l’ordine regionale rimangono lavori in corso. Anche all’interno e nei dintorni dell’Europa ci sono certamente molte sfide alla sicurezza. Passo molto del mio tempo a cercare di spegnere gli incendi nel nostro vicinato. Ma nel tempo, gli europei hanno sviluppato forti quadri istituzionali, come l’UE e la NATO, ma anche l’OSCE e il Consiglio d’Europa.

In Asia, abbiamo organizzazioni centrate sull’ASEAN che guidano la cooperazione in materia di sicurezza, compreso il Forum regionale dell’ASEAN, di cui l’UE è un membro attivo. Sempre più spesso vediamo anche lo sviluppo di altri quadri, guidati dalla Cina e dal Quad, per esempio. 

Già nel 2013, l’ex ministro degli Esteri indonesiano Marty Natalegawa disse che la regione doveva passare da un “deficit di fiducia alla costruzione di una fiducia strategica”. Negli ultimi anni, la tendenza è stata piuttosto il contrario. 

In breve, l’Indo-Pacifico è il futuro, ma l’insicurezza e le tensioni stanno aumentando, minacciando l’ordine e l’equilibrio di questa regione dinamica. Il punto chiave da sottolineare è che la crescita economica della regione si basa sull’apertura, su regole stabili e condivise, e sulla sicurezza condivisa. 

L’interesse dell’UE è proprio questo: che l’ordine regionale rimanga aperto e basato su regole. Possiamo contribuire molto, il che è riconosciuto dai nostri partner regionali che vedono l’UE come un attore fidato e affidabile.

L’istituto di ricerca ISEAS di Singapore ha recentemente chiesto agli opinion leader e ai politici del sud-est asiatico chi sarebbe il loro partner strategico preferito e fidato per gestire la crescente competizione strategica USA-Cina. Quattro su dieci degli intervistati hanno scelto l’UE. 

Forse non siamo così appariscenti come altri partner, ma non andiamo nemmeno a zig-zag. Non abbiamo un’agenda nascosta. What you see is what you get. Siamo affidabili e prevedibili. Possiamo, e vogliamo, impegnarci a lungo termine.

L’UE ha dimostrato le sue credenziali con la nostra risposta alla pandemia. Stiamo sostenendo i nostri partner globali per affrontarne le conseguenze con un pacchetto di 40 miliardi di euro “Team Europe” (che riunisce le intuizioni dell’UE e dei suoi Stati membri). 

Siamo favorevoli al multilateralismo dei vaccini e crediamo che il COVAX sia il modo migliore per garantire l’accesso ai vaccini ai paesi partner a basso e medio reddito nella regione. Noi passiamo dalle parole ai fatti, e l’UE è ora il secondo maggior contribuente della COVAX con oltre 2,4 miliardi di euro. 

Inoltre, siamo il più grande esportatore mondiale di vaccini. Con oltre 240 milioni di dosi, abbiamo esportato circa la metà della nostra produzione in 90 paesi. 

Nei nostri sforzi per combattere la pandemia, abbiamo deliberatamente scelto un percorso diverso dagli altri. Non offriamo un trattamento preferenziale, né cerchiamo favori politici in cambio. Invece, cerchiamo una cooperazione concreta, anche con l’ASEAN. Abbiamo organizzato diversi dialoghi di esperti con l’ASEAN sulla ricerca, la produzione e la distribuzione dei vaccini. 

L’Indo-Pacifico è il futuro, ma l’insicurezza e le tensioni stanno aumentando, minacciando l’ordine e l’equilibrio di questa regione dinamica. Il punto chiave da sottolineare è che la crescita economica della regione si basa sull’apertura, su regole stabili e condivise, e sulla sicurezza condivisa. 

josep borrell

La strategia indo-pacifica dell’UE

Per tutte queste ragioni, l’UE vuole espandere il suo impegno in e con la regione indo-pacifica. Questo è il motivo per cui 27 ministri degli esteri dell’UE hanno recentemente adottato una nuova strategia dell’UE per la cooperazione nell’Indo-Pacifico, dopo che diversi stati membri lo avevano già fatto a livello nazionale (Francia, Germania e Paesi Bassi).

Il messaggio di base è che l’UE approfondirà il suo impegno con i partner dell’Indo-Pacifico per rispondere alle dinamiche emergenti che influenzano la stabilità regionale. 

Concretamente, porteremo avanti un lavoro congiunto per promuovere il commercio e gli investimenti, l’apertura economica e un approccio sostenibile alla connettività. 

Promuoveremo la cooperazione multilaterale, lavorando sulle sfide globali, dalla pandemia al cambiamento climatico, dalla biodiversità alla governance degli oceani fino all’economia digitale. E approfondiremo il nostro impegno per la sicurezza, cercando di rendere questa cooperazione il più concreta possibile. 

La nostra nuova strategia mira ad approfondire l’integrazione regionale. È inclusiva per tutti i nostri partner nella regione che desiderano cooperare con l’UE quando i nostri interessi coincidono. Questo include la Cina, perché sappiamo che in aree importanti, come il clima, la pesca e la biodiversità, la cooperazione con Pechino è essenziale. 

Non vogliamo creare blocchi rivali o costringere i paesi a schierarsi. Ci impegniamo, al contrario, ad approfondire la nostra cooperazione con i partner democratici che la pensano come noi. In questa sede è importante sottolineare che l’impegno dell’Unione europea per i diritti democratici e le libertà fondamentali è molto forte. Non perché li consideriamo costrutti europei o occidentali, ma perché questi valori e principi sono universali. 

Molti paesi, e certamente gli abitanti della regione, condividono il nostro punto di vista sui diritti democratici e le libertà fondamentali: vogliono determinare il loro futuro politico e vedere i propri diritti protetti. 

Non vogliamo creare blocchi rivali o costringere i paesi a schierarsi. Ci impegniamo invece ad approfondire la nostra cooperazione con i partner democratici che la pensano come noi.

josep borrell

L’ASEAN è al centro della strategia indo-pacifica dell’UE, mentre svilupperemo anche relazioni più strette con altre organizzazioni regionali dell’Oceano Indiano e Pacifico. 

Siamo da tempo il primo partner di sviluppo dell’ASEAN, ma siamo anche il suo terzo partner commerciale e il terzo investitore. Le nostre esportazioni verso i paesi ASEAN sono cresciute da 54 miliardi di euro nel 2010 a 85 miliardi di euro nel 2019 e le importazioni dai paesi ASEAN sono cresciute ancora di più, da 72 miliardi di euro nel 2019 a 125 miliardi di euro. Entro il 2050, l’ASEAN dovrebbe diventare la quarta economia più grande del mondo.

L’anno scorso abbiamo finalmente lanciato il partenariato strategico UE-ASEAN. È un segnale che entrambe le parti vogliono aumentare e riorientare la nostra cooperazione. Non vogliamo solo lavorare su commercio, investimenti e sviluppo sostenibile, anche se sono importanti. Ma soprattutto sentiamo la necessità di rafforzare il nostro lavoro congiunto su questioni strategiche. 

Per fare solo un esempio, prendiamo la sicurezza marittima. Prima di tutto, la sicurezza della regione è in cima ai nostri pensieri. Anche perché circa il 40% del commercio estero dell’UE passa attraverso il Mar Cinese Meridionale, rendendo la stabilità della regione una preoccupazione comune e un’area di cooperazione.

Per molti anni, abbiamo avuto un dialogo dedicato alla cooperazione sulla sicurezza marittima in cui l’UE e l’ASEAN condividono le migliori pratiche e le lezioni apprese. 

Stiamo esplorando le opzioni su come rafforzare la presenza marittima dell’UE nel vasto spazio indo-pacifico. Ed estenderemo il progetto “Critical Maritime Routes” dell’UE dall’Oceano Indiano al Sud-Est asiatico. 

Come l’ASEAN, l’UE è impegnata a garantire rotte di approvvigionamento marittimo sicure, libere e aperte nel Mar Cinese meridionale, nel pieno rispetto del diritto internazionale, in particolare della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Sosteniamo il processo guidato dall’ASEAN verso un codice di condotta efficace e giuridicamente vincolante per il Mar Cinese Meridionale, che non dovrebbe pregiudicare gli interessi di terze parti. 

La connettività è un altro importante pilastro della nostra strategia indo-pacifica. Siamo a favore di un approccio alla connettività sostenibile e basato su regole, costruito intorno alla trasparenza, alla proprietà locale e alla sostenibilità fiscale e ambientale. 

Crediamo che questo sia in linea con quello che vogliono anche molti dei nostri partner regionali. L’UE e l’ASEAN hanno lavorato a stretto contatto sulla connettività per anni, riflettendo le esperienze uniche dei due progetti di integrazione regionale, ed entrambe le parti si sono impegnate congiuntamente ad approfondire ulteriormente questa cooperazione. La conclusione di un accordo globale per il trasporto aereo da una regione all’altra (CATA) è un’altra importante pietra miliare in questo percorso e per quanto riguarda la connettività aerea.

Nonostante la pandemia e le tante crisi di sicurezza nel nostro vicinato, l’UE deve essere pronta a impegnarsi di più nell’Indo-Pacifico e con gli attori della regione.

josep borrell

Nelle discussioni sulla connettività, l’analisi degli investimenti e dei flussi di finanziamento mostra che le percezioni e la realtà sono due cose diverse. Qui vale la pena ricordare alcune cifre. 

L’UE rimane il più grande investitore globale, con uno stock totale di 11,6 trilioni di euro, rispetto agli Stati Uniti con 6,8 trilioni di euro, alla Cina con 1,9 trilioni di euro e al Giappone, con 1,5 trilioni. 

Siamo anche il più grande donatore: la nostra assistenza allo sviluppo tra il 2013 e il 2018 UE si è attestata a 414 miliardi di euro in sovvenzioni. Questo è ampiamente paragonabile a quello che la Cina ha offerto per progetti Belt and Road, €434 miliardi, ma come prestiti. 

So che non è sempre facile, con questo tipo di cifre, fare paragoni. C’è spesso una mancanza di trasparenza e ognuno cerca di “abbellire” il proprio risultato. 

Ma il punto più importante rimane: l’UE è una superpotenza economica. Abbiamo una storia di apertura economica e di assistenza allo sviluppo. E siamo pronti a continuare su questa strada con i nostri partner nell’Indo-Pacifico, per costruire una ripresa che benefici le persone in entrambe le regioni. 

Nonostante l’impatto della pandemia, l’ASEAN ha alcune delle economie in più rapida crescita del mondo. Il PIL complessivo dell’ASEAN ammonta a 3.000 miliardi di dollari ed è destinato a crescere del 6% quest’anno. L’Indonesia dovrebbe crescere del 5% quest’anno e l’anno prossimo.  Le ultime previsioni di crescita della Commissione europea prevedono una crescita nell’UE del 4,2% nel 2021 e del 4,4% nel 2022.

La verità è che dipendiamo l’uno dal successo economico dell’altro. A questo riguardo, contiamo anche sulla prossima presidenza del G20 dell’Indonesia per lavorare insieme per mettere la ripresa globale su una base sostenibile e inclusiva, per ridurre le disuguaglianze globali e combattere la crisi climatica. 

Conclusione

All’inizio di giugno mi sono recato a Giacarta per sottolineare che, nonostante la pandemia e le tante crisi di sicurezza nel nostro vicinato, l’UE deve essere pronta a impegnarsi di più nell’Indo-Pacifico e con gli attori della regione. 

La parola ‘strategico’ può essere abusata a volte, ma in questo caso è davvero giustificata: il futuro di questa regione è una priorità strategica per l’UE. Quindi, dobbiamo fare tutto quello che possiamo per aiutare a mantenere l’ordine regionale aperto e basato sulle regole. Concretamente, dovremmo andare oltre il prisma bilaterale e rafforzare la cooperazione sulla sicurezza condivisa, la connettività sostenibile e le sfide globali. 

Sono tornato da Giacarta con la convinzione che abbiamo bisogno di un approccio UE strategicamente consapevole e a tutto tondo all’Indo-Pacifico.