Questo 17 e 18 febbraio 2022, l’Africa e l’Europa si sono incontrate per un vertice di alto livello a Bruxelles. Il futuro e il destino del Sahel sono all’ordine del giorno di questi scambi, così come il futuro della cooperazione fra i due continenti. Quali sono le sue aspettative?

 Accolgo molto positivamente lo svolgimento di questo vertice di alto livello, che affronta le questioni più urgenti del momento in termini di cooperazione tra i due continenti. È noto che l’Unione Europea e l’Africa sono partner fondamentali e complementari. Ci sono forti legami tra l’UE e l’UA, in particolare su questioni di sicurezza, migrazione e commercio. Spero che le approfondite discussioni e le riflessioni intraprese in questi due giorni porteranno ad azioni concrete, come ha sottolineato il presidente Macky Sall. Sono d’accordo con lui quando dice aspettarsi ad “un partenariato rinnovato, modernizzato e più orientato all’azione”. Questo è un momento unico per rimodellare il partenariato tra UE e UA verso un futuro migliore e più promettente, costruito su relazioni sane e vincenti, in modo che i capi di stato africani ed europei possano proporre quello che si potrebbe chiamare un “New Deal” tra Europa e Africa – per riprendere la bella espressione usata da Achille Mbembe nell’articolo pubblicato sulla vostra rivista.    

Queste proposte toccano ovviamente diversi aspetti, tra cui il sostegno e la promozione del settore privato africano. Come capo della Delegazione generale per l’imprenditoria rapida dei giovani e delle donne (DER/FJ) in Senegal, il mio più grande desiderio è quello di vedere rafforzato il finanziamento del settore privato.   

Più concretamente, mi aspetto che i capi di stato dell’Unione Europea e dell’Unione Africana decidano di creare un fondo che vada da 1 a 5 miliardi di euro, per la promozione dell’imprenditorialità. Una promozione che può essere fatta sulla base di modelli come il nostro, quello del DER/FJ. Vale a dire, la creazione di meccanismi di finanziamento flessibili e adatti alle esigenze degli imprenditori: debito, sovvenzioni, garanzie, capitale di rischio, ma anche warrant e azioni. Dopo quattro anni di esistenza della  DER/FJ, abbiamo notato che gli imprenditori – fra i 25 e i 30 milioni di giovani e donne in tutto il continente, che lavorano inizialmente nel settore informale – hanno bisogno di essere sostenuti, finanziati e anche formalizzati per poter crescere. Sottolineo qui il ruolo basilare del settore informale nelle nostre economie: secondo la Banca Mondiale, impiega quasi il 90% della popolazione africana, l’80% nel caso del Senegal. 1

Per questo, spesso i meccanismi  normalmente messi in atto dalle banche convenzionali non sono adatti a tali realtà. 

Gli imprenditori – fra i 25 e i 30 milioni di giovani e donne in tutto il continente, che lavorano inizialmente nel settore informale – hanno bisogno di essere sostenuti, finanziati e anche formalizzati per poter crescere.

papa amadou sarr

E al di là della promozione dell’imprenditorialità?  

Oltre all’imprenditorialità, ci sono ovviamente altre grandi priorità per  lo sviluppo economico dell’Africa. Queste includono investimenti in infrastrutture, agricoltura, PMI e altre iniziative volte a integrare il continente africano.  Integrazione che avviene soprattutto attraverso i binari, le autostrade e le ferrovie, elementi che, spero, avvicineranno concretamente i nostri continenti. In questo senso, c’è una frontiera comune tra Europa e Africa, quella del Marocco. Oggi, per esempio, i camion marocchini che partono dalle montagne dell’Atlante arrivano in Senegal e partono con prodotti da vendere  in Europa. Questa interazione tra i due continenti, attraverso il Mediterraneo e l’Atlantico, dovrebbe essere ulteriormente rafforzata. Infine, credo che il trasferimento di competenze, la costruzione di capacità, il trasferimento di tecnologia e i programmi di scambio universitario siano assolutamente fondamentali. Questi possono costituire elementi centrali nella costruzione di un partenariato tra l’UE e l’UA che benefici entrambi i continenti.    

 Cosa pensa dell’articolo di Achille Mbembe pubblicato recentemente sul Grand Continent, in cui ci invita a uscire da una visione apolitica dello sviluppo – o più precisamente, come ha detto citandolo il presidente Macron mercoledì alla Station F, a “passare da un approccio apolitico e tecnocratico all’aiuto allo sviluppo a un approccio nuovo, che possa dare un senso, costruire un progetto, un percorso a un rapporto che viveva nel passato”? 

Ho letto con grande interesse e attenzione l’articolo pubblicato da Achille Mbembe. Ovviamente, le sue riflessioni possono essere utilizzate per alimentare il dialogo tra l’Unione europea e l’Unione africana. Mbembe propone il coinvolgimento dell’UE nel sostegno all’innovazione e alla democrazia in Africa, date le sfide che rappresenta. Come sapete, costruire la pace e la democrazia in Africa è una delle principali ambizioni dell’UA. Ma al di là della governance democratica, altre questioni strategiche riguardanti il riequilibrio delle relazioni tra i due continenti sono all’ordine del giorno. Penso che i presidenti Macron e Sall l’abbiano presentato molto bene.  

Si è parlato di una “dottrina Macron”, che consisterebbe nel dare priorità all’asse euro-africano nella strategia di politica estera dell’Unione europea. Questa visione potrebbe essere condivisa dagli africani?   

Come ho già detto, il partenariato tra Europa e Africa deve essere prima di tutto inserito in una dinamica win-win. Per esempio, promuovendo il settore privato da entrambe le parti, creando opportunità di investimento per le aziende europee in Africa e opportunità di investimento ed esportazione in Europa per le aziende africane. Questo naturalmente va di pari passo con la questione della migrazione, che a mio parere – e come richiesto da imprenditori, giovani, studenti, accademici o dal settore privato – dovrebbe essere affrontata sulla base di una maggiore e più flessibile circolazione di persone e di merci. Questo implicherebbe una maggiore flessibilità e facilità nell’ottenere i visti per soggiorni brevi, medi e lunghi, al fine di  permettere agli imprenditori, agli scienziati e, più in generale, agli africani di viaggiare da e verso l’Europa nelle migliori condizioni possibili. La difficoltà di ottenere un visto blocca gli africani, li paralizza. Questo è particolarmente vero per coloro che sono in Europa e sono scoraggiati dal viaggiare avanti e indietro. Il risultato è che non tornano più in Africa.    

Il partenariato tra Europa e Africa deve essere prima di tutto inserito in una dinamica win-win.

papa amadou sarr

Condivido quindi la visione del presidente Emmanuel Macron che, nella sua prospettiva europea, vorrebbe rafforzare l’asse euro-africano, facendone una delle priorità della politica estera dell’Unione europea. L’obiettivo è quello di rafforzare un partenariato Europa-Africa che, va ricordato, è talvolta minato di fronte ai partner emergenti dell’Africa – più che emergenti: solidi -, come la Cina, la Russia, la Turchia e altri paesi asiatici.    

La proposta di una rinnovata cooperazione tra i due continenti, difesa dal presidente francese, implica la promozione, tra l’altro, di partenariati pubblico-privati destinati ad attirare investitori globali. Tuttavia, questo meccanismo non è esente a critiche. Gli economisti Daniela Gabor e Ndongo Samba Sylla lo definiscono una “bomba a orologeria per il bilancio” dei paesi africani. Cosa ne pensa? 

 Oggi l’Africa presenta grandi opportunità di crescita economica, che è già alta, con prospettive promettenti. Le opportunità di investimento e il potenziale da sfruttare rimangono immensi. Ma per far sì che la crescita economica in un continente già molto in ritardo  sia sostenibile e sostenuta, l’investimento nelle infrastrutture rimane essenziale. Più in generale, la crescita dovrebbe essere combinata a nuovi e migliori servizi pubblici, che contribuiscono alla trasformazione strutturale dell’economia del continente africano. A questo proposito, i partenariati pubblico-privato (PPP) potrebbero giocare un ruolo importante, poiché i fondi privati sono essenziali per lo sviluppo del continente. Al di là del settore privato regionale, l’Africa, con solo il 2% dei flussi di investimenti diretti esteri del mondo, dovrebbe attirare più interesse da parte degli investitori stranieri tramite PPP. Esempi di PPP di successo esistono in tutta l’Africa; tuttavia, anche se offrono diversi vantaggi, bisogna riconoscere che sono soggetti a diverse critiche (instabilità di bilancio, occultamento dei prestiti pubblici, influenza dei mercati finanziari, complessità dei contratti, trattative riservate, ecc.). Il quadro giuridico per i PPP dovrebbe quindi essere rafforzato per una migliore efficienza, e i PPP dovrebbero essere costruiti in condizioni di parità.     

Parallelamente al vertice UA/UE, è appena iniziata la presidenza dell’Unione Africana da parte del Senegal. Il presidente Macky Sall ha sottolineato la necessità di rispondere alle emergenze sanitarie ed economiche del continente, nello spirito di una “Africa emergente”. Cosa si aspetta dalla presidenza senegalese in merito?   

Il presidente Macky Sall ha assunto la presidenza dell’Unione africana il 1° febbraio 2022. L’organizzazione comunitaria può contare sulla sua leadership. In effetti, il nostro presidente ha acquisito una grande credibilità a livello internazionale: il nostro paese rappresenta un modello di democrazia e di stabilità in Africa, e in particolare in Africa occidentale. Per noi, questo è ovviamente un momento fortemente simbolico, nella misura in cui l’inizio del mandato del presidente Macky Sall a capo dell’UA è coinciso con il vertice UA/UE.   

La presidenza dell’UA di Macky Sall ha proposto e si prepara ad affrontare diverse questioni, tra cui la stabilità economica e finanziaria, la questione dei Diritti Speciali di Prelievo (DSP), la sicurezza e il clima, senza dimenticare l’importante questione della gioventù, che comporta necessariamente la formazione, l’occupazione e, più in particolare, l’imprenditorialità. Oggi, l’Africa ha la popolazione più giovane del mondo, con il 70-75% della popolazione tra i 12 e i 25 anni.  Presentando un dividendo demografico che definisce l’Africa come il continente del futuro, gli stati africani devono essere sufficientemente preparati per non perdere questo grande appuntamento con la storia. È assolutamente necessario trovare posti di lavoro per questi giovani, formazione e finanziamenti affinché i loro progetti possano essere realizzati. È rispetto a questo obiettivo, quello di promuovere l’imprenditorialità femminile e giovanile, al fine di  rendere questi segmenti – maggioritari –  della nostra società attori autonomi e indipendenti nell’economia africana, che il presidente Macky Sall ha creato il DER/FJ nel 2018.   

Il modello DER/FJ ha attirato l’interesse della direttrice  generale del Fondo monetario internazionale (FMI), del presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB) e altre personalità… Quali sono le motivazioni di questo successo? 

Abbiamo effettivamente ricevuto molti incoraggiamenti a livello internazionale, in particolare dal FMI, dall’AfDB – uno dei nostri primi partner finanziari – e da personalità europee come il Commissario Vestager.  Soprattutto, abbiamo guadagnato la fiducia di molti partner, tra cui molti donatori internazionali, come l’AfDB appena citato, l’Agenzia francese per lo sviluppo (AFD), il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo, il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), la Fondazione Bill e Melinda Gates, ecc. Questi ultimi hanno riposto la loro fiducia in noi con piena cognizione di causa. Sono stati convinti dell’efficacia e della fattibilità del modello DER/FJ, i cui risultati parlano da soli. Dal lancio delle nostre attività quattro anni fa, abbiamo concesso più di 188.220 prestiti a più di 153.514 beneficiari, per un totale di 80 miliardi di franchi CFA [circa 122 milioni di euro].   

Il successo del modello DER sembra basarsi principalmente, da un lato, sulla diversificazione dei servizi offerti e, dall’altro, sulla proposta di diversi importi di finanziamenti.   

Fin dall’inizio, ci siamo resi conto dell’importanza della diversificazione. A tal fine, offriamo una gamma integrata di supporto agli imprenditori, al fine di massimizzare le loro possibilità di successo. Abbiamo quindi istituito la politica delle 3F (Formalizzazione, Formazione e Finanziamento). Come suggerisce il nome, la Formalizzazione (supporto alla registrazione e contributo all’inclusione finanziaria) e la Formazione (capacity building, mentoring, workshop, ecc.) sono servizi aggiuntivi di natura diversa dal Finanziamento. Sono assolutamente indispensabili se teniamo conto della struttura delle nostre società che, come ho detto prima, si basano soprattutto sul lavoro informale. Allo stesso modo, abbiamo messo in atto diversi prodotti di finanziamento, attraverso tre diverse tranche (da 10.000 FCFA [15 euro] a più di 300 milioni di FCFA [circa 457.000 euro], al fine di rispondere nel miglior modo possibile alle esigenze di tutti i segmenti della popolazione.   

Fin dall’inizio, ci siamo resi conto dell’importanza della diversificazione. A tal fine, offriamo una gamma integrata di supporto agli imprenditori, al fine di massimizzare le loro possibilità di successo.

papa amadou sarr

Può presentare un tipo di tranche di finanziamento? 

La prima tranche, di un ammontare inferiore a un milione di franchi CFA [circa 1525 euro], è destinata ai gruppi più vulnerabili, il cui empowerment economico deve essere promosso. Uno dei nostri programmi di punta, o almeno di maggior successo, è il Nano-Credito, che rientra in questa categoria, con importi che vanno da 10.000 FCFA [15 euro] a 300.000 FCFA [456 euro]2, rimborsabili in un periodo da tre mesi – o anche sei per gli importi più alti. È uno strumento estremamente efficace che è stato progettato per includere coloro che erano generalmente esclusi dal sistema finanziario convenzionale. Deve la sua efficienza al fatto di essere ancorato ai mercati tradizionali, ai mercati del pesce, nei quartieri popolari, ecc. I nostri primi promotori sono stati i beneficiari stessi: soprattutto le donne, particolarmente soddisfatte del nostro servizio, che hanno incoraggiato le loro colleghe e colleghi  delle federazioni o cooperative di cui fanno parte ad adottare il Nano-Credito.

Il vostro approccio contribuisce alla creazione di un vero e proprio ecosistema imprenditoriale e alla strutturazione di catene di valore che interessano diversi settori, dall’agricoltura all’artigianato, passando dalla pesca, l’allevamento e i servizi… 

È fondamentale per lo sviluppo sostenibile del nostro paese e, più in generale, dell’intero continente, strutturare e rafforzare le catene di valore, a livello nazionale e regionale. Per quanto riguarda il nostro approccio alla strutturazione delle catene, abbiamo implementato una serie di attività focalizzate su settori promettenti (sale, anacardi, latte, pelli, riso, ecc.), al fine di stabilire ecosistemi sostenibili che rispettino l’equità territoriale. Questo va di pari passo con la facilitazione dell’accesso ai finanziamenti e la soddisfazione della domanda del mercato. Un approccio integrato attraverso uno dei nostri programmi di punta, PAVIE (Projet d’Appui et de Valorisation des Initiatives Entrepreneuriales), mira a intervenire sugli anelli essenziali delle diverse catene di valore ad alto potenziale dell’economia senegalese per rimuovere gli ostacoli strutturali al loro rendimento. Oltre a sostenere e finanziare i mezzi tecnici per migliorare la qualità e la quantità dei prodotti, l’obiettivo principale è promuovere la federazione dei produttori interessati e le relazioni contrattuali tra gli attori dei diversi anelli della catena, al fine di aumentare collettivamente i loro vantaggi competitivi e consentire una migliore distribuzione del valore aggiunto. Ad oggi, abbiamo finanziato più di 12.650 iniziative imprenditoriali nel quadro di  questa iniziativa. 

Una delle aree prioritarie del DER/FJ è il sostegno al settore digitale. Può spiegare il suo approccio e la sua strategia per il futuro, al fine di accelerare il processo di digitalizzazione delle imprese e delle attività economiche senegalesi?   

La nostra ambizione è quella di rendere il Senegal un Digital Hub di riferimento per l’Africa occidentale. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo istituito un Fondo di sostegno per l’innovazione e il settore digitale (FSI-N). Attualmente, più di 192 startup e PMI innovative beneficiano del nostro sostegno e finanziamento. Rispetto ad altri settori di attività, il settore digitale ha una particolarità: era molto più difficile per i progetti innovativi trovare finanziamenti a causa della loro minore percentuale di successo. Inoltre, abbiamo messo a disposizione dell’ecosistema digitale senegalese e internazionale il DER Innovation Hub (o “D-Hub”), che è uno spazio che serve come quadro di riferimento e luogo di incontro. Abbiamo anche appena lanciato la costruzione del Mohammed Bin Zayed Centre for Innovation and Entrepreneurship (MBZ), nel quartiere di Mermoz, a Dakar. Questo centro mira a diventare un riferimento africano nel campo dell’accelerazione dello sviluppo dell’ecosistema digitale e delle startup.  

Tutte queste iniziative possono essere riassunte in una strategia globale di sviluppo digitale, che si concentra sulla costruzione di ecosistemi e reti di attori chiave nel sostegno all’innovazione e alle sinergie tecnologiche. Questo viene fatto attraverso lo sviluppo di cluster forti e dinamici, che coprono diversi settori (e-health, agritech), la mobilitazione di fondi per moltiplicare l’impatto delle azioni realizzate e la creazione di partenariati internazionali con ecosistemi di innovazione stranieri. Da questo punto di vista, sottolineo l’importanza e la rilevanza di questa visione nella prospettiva del vertice UA/UE. Parallelamente a ciò che troviamo in Europa, con progetti politici come la “start-up nation” promossa dal presidente Emmanuel Macron o con iniziative private, il settore digitale si sta espandendo in tutto il continente africano. Così, la creazione di partenariati tra i vari hub e start-up presenti nei due continenti è un ottimo esempio di cooperazione. Ad esempio, questo mercoledì ho partecipato a una tavola rotonda pre-Summit alla Station F, l’hub digitale francese per eccellenza, sul tema “Investire insieme per una nuova alleanza tra Africa ed Europa”. 

La nostra ambizione è quella di rendere il Senegal un Digital Hub di riferimento per l’Africa occidentale.

papa amadou sarr

Quali soluzioni consiglierebbe per migliorare l’imprenditorialità in Africa occidentale?   

Cominciamo con le soluzioni a livello nazionale. Prima di tutto, l’ecosistema imprenditoriale dovrebbe essere rafforzato creando un ambiente favorevole: mobilitando più fondi dedicati all’imprenditoria giovanile e femminile e promuovendo gli incubatori di imprese a livello locale, così come le strutture di supporto per gli imprenditori. In secondo luogo, le procedure amministrative per la creazione di un’impresa dovrebbero essere semplificate e alleggerite, e dovrebbe essere messo in atto un sistema di sostegno personalizzato e di follow-up per i nuovi imprenditori. Questo dovrebbe essere accompagnato dalla creazione di ricchezza nei vari settori di attività, prima di tutto il settore agricolo.  

Queste iniziative vanno di pari passo, da un lato, con il miglioramento dell’occupabilità dei giovani, che ovviamente richiede investire sulla  formazione e l’istruzione degli imprenditori, con contenuti adeguati alle esigenze del mercato del lavoro. D’altra parte, ci dovrebbe essere un maggiore spostamento verso un’economia formale, connettendo, ad esempio, il settore informale con i mercati di crescita e aumentando il livello di finanziamento dei progetti e la produttività del settore.   

Per quel che concerne l’Africa occidentale più in generale, si dovrebbe istituire un fondo dedicato all’imprenditoria femminile e giovanile, e creare una sinergia fra le azioni dei vari  stati – compresi incubatori, acceleratori e altri spazi di lavoro collaborativo. Questo potrebbe andare di pari passo con la creazione di un mercato unico dell’imprenditoria a livello dell’Africa occidentale, attraverso l’abolizione dei vincoli finanziari legati alla mobilità, al finanziamento del soggiorno o anche all’assistenza… Aggiungerei che alcuni dei nostri progetti faro già menzionati, tra cui PAVIE e MBZ, hanno una già una vocazione sub-regionale.  

Incoraggiare questo tipo di integrazione sub-regionale andrebbe di pari passo con l’esportazione del modello DER in altri paesi? Pensa che questo modello possa essere replicato in Africa occidentale e oltre?  

Certamente, anche se non si tratta di fare un copia-incolla. Ciò che è necessario soprattutto è proporre e adattare il modello DER a seconda delle necessità e caratteristiche degli altri paesi. Abbiamo già partecipato a otto iniziative di assistenza tecnica e di condivisione di esperienze con i paesi vicini. La Mauritania sta per implementare il Nano-credito, come quello della DER. La condivisione delle competenze a livello locale potrebbe ovviamente favorire la creazione di un forte ecosistema imprenditoriale transregionale, con il conseguente rafforzamento delle catene di valore regionali. Per il resto, la direttrice del FMI e il presidente dell’AfDB hanno espresso il desiderio di vedere il modello DER replicato nei paesi africani coperti dalle due istituzioni, oltre la subregione dell’Africa occidentale. Tuttavia, la condivisione di competenze e conoscenze potrebbe anche essere proposta ed avviata con altre regioni del mondo, come l’America Latina. Per questo, chiediamo un rafforzamento del dialogo multilaterale e delle piattaforme peer-to-peer. Fortunatamente, tali istituzioni esistono già, come il Centro di Sviluppo dell’OCSE. A mio parere, sarebbe interessante creare o rafforzare piattaforme multilaterali, rappresentative e al contempo agili, rivolte a temi specifici e inerenti a diversi paesi – dai paesi in via di sviluppo ai paesi ‘OCSE, compresi, ovviamente, quelli dell’Unione Europea. L’Italia, fra l’altro, costituisce un ottimo esempio e candidato per la condivisione di “buone pratiche”, essendo un paese storicamente volto – perlomeno, per quel che riguarda alcune regioni – alla promozione delle PMI. Di nuovo, uno spunto di riflessione per il dopo-vertice.

Riprendiamo un punto da lei già sollevato, relativo alle migrazioni. Circa il 12% del PIL del Senegal proviene dalle rimesse della diaspora. Lo stesso vale per molti altri paesi africani. Come possiamo includere e sfruttare al meglio queste risorse?  

Lo scorso novembre a Dakar, e questa settimana a Parigi, abbiamo lanciato il Fondo Diaspora della DER/FJ, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri senegalese. L’obiettivo è di mobilitare le competenze della diaspora per lo sviluppo locale e di incoraggiare gli investimenti dei senegalesi all’estero nella loro località d’origine. Infatti, il 9,3% delle rimesse degli emigranti sono destinate agli investimenti (soprattutto immobiliari), contro il 90,7% per le spese correnti delle loro famiglie. È quindi necessario incoraggiare i nostri compatrioti a cofinanziare, nel modo meno rischioso possibile, reindirizzando parte delle loro rimesse verso investimenti produttivi destinati ai settori chiave della nostra economia. Allo stesso modo, dobbiamo sostenere la reintegrazione dei senegalesi che desiderano tornare nel loro paese.  

Nel contesto del vertice UA/UE e del cambiamento della narrazione e della percezione dell’Africa da parte dell’Europa, il punto di partenza dovrebbe essere una questione di vocabolario: è ora di sostituire il termine migrazione con mobilità

papa amadou sarr

In questo senso, come si può combinare la promozione dell’imprenditorialità in Africa con iniziative di partenariato per la mobilità delle competenze?  

Ovviamente sono favorevole a facilitare la mobilità incrociata tra l’Europa e l’Africa per promuovere il talento africano, in particolare nei settori dell’imprenditoria, dell’istruzione, della ricerca, dell’innovazione, della cultura e dello sport. Questo sarebbe possibile con l’attuazione di una “carta blu” europea, che contribuirebbe alla realizzazione di una “mobilità circolare positiva” da un continente all’altro. Si tratta di una dinamica che può ovviamente essere dispiegata attraverso la creazione di imprese a cavallo tra i due continenti e la promozione dell’imprenditorialità, alimentata da una forza lavoro africana giovane e qualificata. È anche fondamentale favorire la mobilità degli studenti, in un mondo in cui l’occupabilità è “più alta” in settori promettenti (digitale, big data, ingegneria, agricoltura, sviluppo sostenibile). C’è molto spazio per creare doppie lauree o centri di formazione per competenze specifiche – legate, per esempio, al settore digitale. Nel contesto del vertice UA/UE e del cambiamento della narrazione e della percezione dell’Africa da parte dell’Europa, il punto di partenza dovrebbe essere una questione di vocabolario: è ora di sostituire il termine migrazione con mobilità.

 

Note
  1. Dati risalenti al 2015.
  2. Alcuni prestiti arrivano fino a 500.000 FCFA [760 euro].