Per la prima volta nella storia recente, assistiamo a una minaccia che colpisce l’intero pianeta simultaneamente, con conseguenze simili a tutte le latitudini e in un contesto di interconnettività e interdipendenza senza precedenti. L’impatto della pandemia di Covid-19 sulle nostre vite e sulle relazioni internazionali ci offre l’opportunità di ripensare la politica globale. 

Tuttavia, la pandemia è diventata anche un ulteriore elemento di competizione strategica tra gli stati, impegnati prima in una corsa urgente per le risorse e le attrezzature sanitarie e, poi, per il vaccino. Le speranze di un mondo più cooperativo hanno coinciso con una tentazione di ritirarsi che era già parte delle dinamiche internazionali prima della pandemia. 

Il documentario del CIDOB (Barcelona Center for International Affairs), “Bouncing Back. World Politics after the Pandemic” presenta, grazie all’intervento di diversi esperti, le dinamiche del conflitto e le opportunità di cooperazione internazionale e sottolinea la necessità di un’azione politica decisiva per affrontare il mondo post-pandemico.

Verso una nuova globalizzazione?

Dall’inizio della pandemia, c’è un dibattito sul suo reale impatto sulla globalizzazione. Le conseguenze del Covid-19 sono state molteplici e di diversa intensità in tutti i continenti, ma tutte convergono, secondo Anne-Marie Slaughter, presidente di New America, verso una “ri-globalizzazione, cioè in una globalizzazione diversa e più prudente”. La frammentazione dell’ordine internazionale, che preesisteva alla pandemia, è un altro elemento di questo complesso scenario di transizione.

Le conseguenze della pandemia convergono in una ri-globalizzazione, cioè in una globalizzazione diversa e più prudente.

Anne-Marie Slaughter

Il FMI avverte che il numero di persone che vivono in estrema povertà è aumentato nell’ultimo anno per la prima volta in due decenni. Questo è allarmante, tanto più perché le possibilità di ripresa dalla pandemia non sono distribuite equamente, con il rischio di alimentare ulteriormente la retorica populista e xenofoba. I disordini di fronte alla corruzione e alle disuguaglianze sono una causa di instabilità e di violenza, ed è quindi urgente affrontare le disuguaglianze all’interno delle società e tra gli Stati. Se c’è una lezione che l’UE e gli USA devono imparare da questa pandemia, è, secondo Robert Malley, ex presidente dell’International Crisis Group, “ripensare la distribuzione della ricchezza”.

Una lezione da imparare da questa pandemia, in Europa occidentale e negli Stati Uniti, è la necessità di ripensare la distribuzione della ricchezza.

robert malley

Ma non sono solo le disuguaglianze ad essersi aggravate come conseguenza della pandemia. Altri fenomeni, come la disaffezione verso la politica e le istituzioni internazionali, il populismo o il cambiamento climatico, erano già presenti all’interno e tra le nostre società, e l’attuale emergenza sanitaria, economica e politica ci porta a chiederci come saranno le nostre società quando la pandemia sarà sotto controllo. 

Il Covid-19 è stato un esempio di ciò che significa una minaccia globale, e questo ci porta necessariamente a considerare un nuovo modo di cooperare su scala internazionale, una rifondazione della cooperazione globale. In questo senso, la gestione del vaccino appare come una prima opportunità per ripensare e stabilire i primi passi verso una nuova cooperazione: dovrebbe essere un vaccino universale? Chi dovrebbe pagare? Chi dovrebbe essere vaccinato per primo e in quali circostanze? Come dovrebbe essere gestita la distribuzione del vaccino nei paesi a medio e basso reddito? Si tratta di un dibattito essenziale che deve avvenire nella società internazionale, poiché “la distribuzione del vaccino rivelerà disuguaglianze tra le società e all’interno delle società”, avverte il vicepresidente del King’s College, Funmi Olonisakin, aggravando le disuguaglianze preesistenti e persino aumentandole in futuro.

La distribuzione del vaccino metterà in evidenza le disuguaglianze tra le società e all’interno delle società.

Funmi Olonisakin

L’impegno per una più efficiente cooperazione internazionale è anche evidenziato di fronte a una possibile mancanza di controllo della pandemia in una qualsiasi area del mondo, che potrebbe portare all’insicurezza in altri paesi. Secondo Robert Malley, l’urgenza di una cooperazione sanitaria ed economica efficiente deve impedire il collasso degli Stati e delle loro società a ogni latitudine.

Infatti, la salute globale, sostiene il presidente della Conferenza di Sicurezza di Monaco Wolfgang Ischinger, “è un terreno ideale per sviluppare una cooperazione internazionale costruttiva, anche con paesi che allo stesso tempo mantengono importanti differenze”. Una cooperazione che, al di là della sfera degli Stati, può essere più dinamica ed efficace se è completata da attori non statali come città, regioni, imprese o università.

La salute globale è un campo ideale per sviluppare una cooperazione internazionale costruttiva, anche con paesi che allo stesso tempo mantengono importanti differenze.

Wolfgang Ischinger

Un’altra area in cui la pandemia ha mostrato i suoi effetti è stata la rivalità geopolitica tra Stati Uniti e Cina per la supremazia mondiale. La Cina è stata rafforzata dalla sua capacità di controllare la pandemia. E anche se, economicamente, il Covid-19 ha dimostrato il pericolo di dipendere pesantemente dalle catene di approvvigionamento dalla Cina, il commercio tra la Cina e il resto del mondo continuerà a crescere, così come la sua influenza economica e nel campo della sicurezza.

I riferimenti ossessivi di Donald Trump alla pandemia come “il virus cinese” non hanno aiutato ad abbassare la tensione tra i due paesi, che ora sta vivendo un momento di relativa calma dopo l’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca. Malley, ora membro della nuova amministrazione statunitense, crede che la competizione con Pechino diventerà più prevedibile o, in ogni caso, meno esposta alle dichiarazioni erratiche di Trump. 

Tuttavia, l’accelerazione dello spostamento del potere globale dall’Occidente all’Oriente è già una realtà. Il diplomatico Kishore Mahbubani avverte da Singapore che “il conflitto geopolitico tra Stati Uniti e Cina è sia inevitabile che evitabile: inevitabile perché risponde a forze strutturali profonde, ed evitabile perché se l’obiettivo degli Stati Uniti è quello di migliorare il benessere della propria popolazione e non di mantenere la supremazia globale, dovrebbe concentrarsi sulla riduzione del confronto geopolitico con la Cina”.

Il conflitto geopolitico tra Stati Uniti e Cina è sia inevitabile che evitabile: inevitabile perché risponde a forze strutturali profonde, ed evitabile perché se l’obiettivo degli Stati Uniti è quello di migliorare il benessere della propria popolazione e non di mantenere la supremazia globale, dovrebbe concentrarsi sulla riduzione del confronto geopolitico con la Cina.

Kishore Mahbubani

Come influisce questo scenario di riconfigurazione dell’ordine mondiale sull’Unione Europea? Dobbiamo aspettarci una maggiore alleanza tra gli Stati Uniti e l’UE, o una maggiore cooperazione tra questi due blocchi nei confronti della Cina, come conseguenza della pandemia? 

L’Unione Europea, a causa della sua essenza ibrida tra organizzazione internazionale e stato, ha una maggiore capacità di rinnovamento e competenza rispetto ad altre organizzazioni internazionali. Wolfgang Ischinger insiste sul fatto che una delle sfide più urgenti per l’UE per diventare un attore internazionale di primo piano è lo sviluppo di una politica estera più armonizzata che parli con una sola voce – in breve, più europea. La rivalità sistemica di Bruxelles con Pechino non dovrebbe ostacolare la cooperazione al più alto livello. 

Un aspetto sorprendente della pandemia è la sua limitata influenza sui conflitti, nonostante il cessate il fuoco promosso dal segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres nel marzo 2020. Mentre la richiesta di cessazione delle ostilità è stata accolta con favore dalla comunità internazionale, gli attori coinvolti hanno reagito con cautela. Recentemente, sono riemersi conflitti congelati che erano passati inosservati perché l’attenzione pubblica internazionale è stata monopolizzata dalla pandemia e dalle sue propaggini. 

Ischinger prevede che “gli effetti secondari della pandemia porteranno all’emergere di stati falliti in Africa, maggiore radicalizzazione nei paesi poveri, più fame e malattie, e più incertezza e instabilità nella sicurezza internazionale per gli anni a venire”. Nelle parole del diplomatico britannico Martin Griffiths, “la pandemia ha travolto il mondo, lo sta distruggendo in molti modi, ma la capacità umana di resistere alla miseria e la guerra non è stata diminuita”.

La pandemia sta distruggendo il mondo in molti modi, ma la capacità umana di resistere alla miseria e alla guerra non è diminuita.

Martin Griffiths

Nuove minacce, come affrontarle?

Il Covid-19 è servito anche come potente promemoria di quanto siamo vulnerabili ai fenomeni naturali. Il cambiamento climatico si profila come la più importante sfida a lungo termine per il nostro stile di vita e per la stabilità internazionale. Il riscaldamento globale è una sfida che nessun singolo stato sarà in grado di affrontare da solo, e richiede una buona dose di generosità nella cooperazione internazionale. 

Infatti, nelle parole dell’ex Alto rappresentante dell’Unione europea Javier Solana, “nella lotta contro il cambiamento climatico stiamo entrando in un periodo di speranza, e questo è un settore in cui gli Stati Uniti e la Cina potrebbero sviluppare una qualche forma di cooperazione senza troppi problemi”, così come, a breve termine, la battaglia contro il Covid-19e. Il rientro degli Stati Uniti nell’accordo di Parigi, proprio il primo giorno della nuova amministrazione Biden, è un barlume di speranza.

Nella lotta contro il cambiamento climatico stiamo entrando in un periodo di speranza, e questo è un settore in cui gli Stati Uniti e la Cina potrebbero sviluppare una qualche forma di cooperazione senza troppi problemi.

Javier Solana

Tuttavia, la cooperazione globale richiede strumenti, risorse e fora internazionali adeguati, e gli attuali quadri di cooperazione obbediscono a uno scenario internazionale che ha più di 75 anni. La pandemia ha evidenziato la necessità di rivitalizzare e riformare le organizzazioni internazionali per dotarle di strumenti efficienti, efficaci, credibili e legittimi agli occhi della popolazione. Questi spazi di governance multilaterale devono fornire soluzioni pratiche ai problemi reali dei cittadini e, a tal fine, dobbiamo dotarci di sistemi di rappresentanza più equi, dando una voce e un voto ai paesi che attualmente sono sottorappresentati. Altrimenti, corriamo il rischio di perpetuare un sistema difettoso e inefficace.

Come ricostruire l’internazionalismo?

Di fronte al dilemma su come affrontare una ricostruzione dell’internazionalismo, dopo la pandemia dovremmo cercare di restaurare un mondo a immagine e somiglianza di quello che c’era prima, o dovremmo invece ricostruirlo sulla base di nuovi valori e fondamenta? Data la certezza che non ci sarà un ritorno alla normalità precedente, che tipo di rinascita possiamo aspettarci nelle nostre società?

La sfida di ridefinire le basi di una rinnovata cooperazione internazionale e di reinventare una nuova forma di internazionalismo e di solidarietà internazionale tra Stati e attori non statali è più presente che mai. Concetti come l’equità, l’uguaglianza e la consapevolezza dei disequilibri causati dalla globalizzazione sono ora al centro del dibattito su un nuovo internazionalismo e sulla creazione di meccanismi più efficaci per affrontare le minacce e gestire la governance globale in modo più cooperativo. 

A questo proposito, due elementi meritano un’attenzione speciale: l’impulso delle nuove generazioni, che incarnano un nuovo modo di relazionarsi e interagire attraverso reti transnazionali e che difendono la giustizia egualitaria a livello globale, superando i limiti delle frontiere statali; e, dall’altro lato, la scienza, il cui spettacolare progresso ci obbliga a usarla in modo intelligente e cooperativo. 

Il grande punto interrogativo sul ritorno alla normalità prima della pandemia non fa presagire posizioni molto ottimistiche, come afferma l’ex Alto rappresentante dell’Unione europea Federica Mogherini: “non torneremo alla normalità di prima perché abbiamo vissuto circostanze imprevedibili e inimmaginabili fino a un anno fa”.

Non torneremo alla normalità di prima perché abbiamo vissuto circostanze imprevedibili e inimmaginabili fino a un anno fa.

federica mogherini

“La pandemia è un problema di sicurezza”, dice Javier Solana. Il Covid-19 ha accentuato i cambiamenti che scuotono l’ordine internazionale e, quindi, ciò che è in gioco oggi è la negoziazione delle regole che dovrebbero governarli, la distribuzione del potere e l’accesso alle risorse. Si tratta senza dubbio di uno scenario complesso, in cui le decisioni politiche da prendere saranno della massima importanza.